Skip to content

I derivati per la clientela retail: gli Outperformance Certificates di Sal. Oppenheim

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Orlando
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia dei Mercati e degli Intermediari Finanziari
  Relatore: Gianni Nicolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 265

Il processo evolutivo caratterizzante le proposte di investimento da parte di molte istituzioni finanziarie ad indirizzo della clientela retail ha prodotto l’affermarsi di una nuova classe di prodotti strutturati, i certificates, strumenti relativamente giovani che hanno preso piede molto velocemente tra gli investitori istituzionali prima e retail poi, avendo la prerogativa di replicare – linearmente e non – l’andamento di mercati lontani o poco accessibili ai risparmiatori a fronte di un ridotto investimento iniziale.
I certificati sono attualmente quotati in almeno quattordici borse europee, anche se oltre il 95% dell’emesso e dei volumi scambiati si concentra nei primi cinque mercati che, oltre al Se.De.X. di Borsa Italiana, sono il segmento Euwax della Borsa di Stoccarda, il gruppo Scoach attraverso i due mercati controllati di Francoforte e di Zurigo ed il mercato paneuropeo Nyse Euronext.
L’investimento consapevole in un certificato o in un qualsivoglia prodotto strutturato ne richiede conoscenze connesse al suo funzionamento, alle modalità di negoziazione, ai relativi rischi, ai costi da sostenere ed ai vantaggi ottenibili, compatibilmente con gli obiettivi ed il profilo di rischio-rendimento dell’investitore.
A seguito di recenti sconvolgimenti dei mercati finanziari mondiali, l’investitore retail – in passato molto più remissivo alle proposte della banca – ha maturato l’esigenza di una maggiore consapevolezza in campo finanziario divenendo più renitente nei confronti degli istituti di credito verso i quali sembra avere maggior diffidenza che in passato. Tra le cause scatenanti tale atteggiamento deve sicuramente essere annoverata l’emissione di strumenti finanziari complessi, ma anche una cultura finanziaria spesso non idonea a valutare adeguatamente il rischio ed i costi che si celano dietro l’investimento in un dato strumento finanziario.
Dopo una disamina delle singole tipologie di certificati negoziati sul mercato di Borsa Italiana e delle rispettive sottocategorie cui sono dalla stessa collocati, il presente lavoro si pone l’obiettivo precipuo di focalizzarsi su una specifica tipologia di certificato di investimento in voga negli ultimi mesi denominato Outperformance Certificates analizzando, nello specifico, le emissioni operate da Sal. Oppenheim, rinomata banca privata tedesca emittente derivati e prodotti strutturati, con l’intento di capirne la struttura, il funzionamento, valutarne il rischio ed il corretto pricing nonché confrontarne il rendimento rispetto ad una strategia di investimento alternativa di tipo buy and hold sui sottostanti.
Si vuole, inoltre, comprendere quale possa essere la differenza tra un investitore perfettamente razionale ed uno non perfettamente razionale nell’attrattività dello strumento e appurare se un classico investitore retail sia in grado di cogliere concrete opportunità e vantaggi dall’investimento in questa nuova tipologia di strumento finanziario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il processo evolutivo caratterizzante le proposte di investimento da parte di molte istituzioni finanziarie ad indirizzo della clientela retail ha prodotto l’affermarsi di una nuova classe di prodotti strutturati, i certificates, strumenti relativamente giovani che hanno preso piede molto velocemente tra gli investitori istituzionali prima e retail poi, avendo la prerogativa di replicare – linearmente e non – l’andamento di mercati lontani o poco accessibili ai risparmiatori a fronte di un ridotto investimento iniziale. I certificati sono attualmente quotati in almeno quattordici borse europee, anche se oltre il 95% dell’emesso e dei volumi scambiati si concentra nei primi cinque mercati che, oltre al Se.De.X. di Borsa Italiana, sono il segmento Euwax della Borsa di Stoccarda, il gruppo Scoach attraverso i due mercati controllati di Francoforte e di Zurigo ed il mercato paneuropeo Nyse Euronext. L’investimento consapevole in un certificato o in un qualsivoglia prodotto strutturato ne richiede conoscenze connesse al suo funzionamento, alle modalità di negoziazione, ai relativi rischi, ai costi da sostenere ed ai vantaggi ottenibili, compatibilmente con gli obiettivi ed il profilo di rischio- rendimento dell’investitore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acepi
benchmark
black-scholes
borsa
bouns
buy and hold
cap
cert-x
certificates
certificati
dj euro stoxx 50
emissioni
enel
equity protection
express
mifid
outperformance
pricing
protect
sal. oppenheim
statistiche
unicredit
value at risk
var

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi