Skip to content

Ingegnerizzazione di uno nuovo ciclo di scissione termochimica dell'acqua

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Costantino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria industriale
  Relatore: Mauro Pasquali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 237

Obbiettivo di questa tesi è la valutazione della capacità produttiva di un nuovo ciclo termolitico attraverso la concezione di uno schema di impianto plausibilmente accoppiabile ad un reattore di IV generazione di tipo VHTR e ad uno sistema solare a concentrazione a fuoco puntiforme. Il nuovo ciclo che si tenterà di ingegnerizzare è frutto del lavoro di ricerca di Pierpaolo Prosini che ha scoperto e brevettato il ciclo nell’ambito del programma di ricerca TEPSI dell’ENEA. La tesi si propone altresì di dimostrare come il solare termolitico posso configurarsi come un alternativa più promettente del solare termodinamico per la stessa produzione di energia elettrica e come nell’ambito di una produzione di idrogeno che travalichi la scala artigianale per arrivare a una necessaria scala industriale il nucleare termolitico posso ritenersi come la più valida delle alternative. Il presente lavoro inizia con un parte introduttiva in cui si introduce il lettore nel mondo dei cicli termolitici facendo una piccola analisi dei cicli più promettenti e una panoramica sulle applicazioni fatte o semplicemente in studio sia alla fonte nucleare che a quella rinnovabile. In chiave di studio preliminare si ricostruiscono le vicende che ci portano dall’ormai storico ciclo S-I al ciclo NIS, oggetto del nostro studio, e si fa una per noi indispensabile analisi della cinetica isoterma delle reazioni attraverso i dati sperimentali trovati dal dottor Prosini e da altri ricercatori che si sono cimentati nella stessa impresa. Successivamente si passa ad analizzare la reazione più energiva del ciclo, “la separazione dello ioduro di nickel”, per cui si propone un particolare caldaia rigenerativa della quale si tenterà di valutare le prestazioni. Al fine del recupero della grande quantità di calore prodotta dalla reazione esotermiche a più bassa temperatura si è studiato un particolare tipo di motere Stirling: il Double Double U Engine. In prospettiva di dover usare degli schemi di impianto che ci conducessero ad un ciclo discontinuo si è pensato ad un sistema di recupero calori che fosse anch’esso discontinuo, gli accumuli latenti. Dopo aver studiato questi tre sistemi universali di recupero del calore si è passati a degli schemi specifici. Questi schemi sono stati concepiti col presupposto di superare il maggior difetto del ciclo proposto: la presenza di soldi. I Solidi danno due ordini di problemi:la movimentazione e lo scambio termico. In un primo schema si è risolto la movimentazione dei solidi semplicemente non muovendoli, schema a movimentazione fittizia, in un secondo si è riusciti ad ottenere di movimentarli solo per gravità, schema a gravità. Il primo schema, uno schema batch, malgrado gli sforzi non ci è parso 2 effettivamente applicabile sia ad un reattore che alla risorsa rinnovabile, il secondo invece si. Si è quindi studiato l’applicazione dello schema a gravità,schema di natura semi-batch, alla risorsa rinnovabile, e si è confrontato il solare termolitico con il solare termodinamico cercando di dimostrare la nostra tesi. L’applicazione del secondo schema ad un reattore nucleare ci ha però costretto ad un approfondimento legato alla necessità di ottenere uno schema continuo. Il passaggio ad uno schema continuo ci ha costretto a studiare le cinetiche anisoterme di reazione e a realizzare dei programmi che ci permettessero di capire quale fosse l’effettiva capacità produttiva dell’impianto. Nel far questo non si è potuto fare a meno di affrontare anche il problema termotecnico che come detto nel caso dei solidi è particolarmente gravoso, problema come leggerete superato grazie all’utilizzo del principio dello scambio contattivo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 ABSTRACT Obbiettivo di questa tesi è la valutazione della capacità produttiva di un nuovo ciclo termolitico attraverso la concezione di uno schema di impianto plausibilmente accoppiabile ad un reattore di IV generazione di tipo VHTR e ad uno sistema solare a concentrazione a fuoco puntiforme. Il nuovo ciclo che si tenterà di ingegnerizzare è frutto del lavoro di ricerca di Pierpaolo Prosini che ha scoperto e brevettato il ciclo nell’ambito del programma di ricerca TEPSI dell’ENEA . La tesi si propone altresì di dimostrare come il solare termolitico posso configurarsi come un alternativa più promettente del solare termodinamico per la stessa produzione di energia elettrica e come nell’ambito di una produzione di idrogeno che travalichi la scala artigianale per arrivare a una necessaria scala industriale il nucleare termolitico posso ritenersi come la più valida delle alternative. Il presente lavoro inizia con un parte introduttiva in cui si introduce il lettore nel mondo dei cicli termolitici facendo una piccola analisi dei cicli più promettenti e una panoramica sulle applicazioni fatte o semplicemente in studio sia alla fonte nucleare che a quella rinnovabile. In chiave di studio preliminare si ricostruiscono le vicende che ci portano dall’ormai storico ciclo S-I al ciclo NIS, oggetto del nostro studio, e si fa una per noi indispensabile analisi della cinetica isoterma delle reazioni attraverso i dati sperimentali trovati dal dottor Prosini e da altri ricercatori che si sono cimentati nella stessa impresa. Successivamente si passa ad analizzare la reazione più energiva del ciclo, “la separazione dello ioduro di nickel”, per cui si propone un particolare caldaia rigenerativa della quale si tenterà di valutare le prestazioni. Al fine del recupero della grande quantità di calore prodotta dalla reazione esotermiche a più bassa temperatura si è studiato un particolare tipo di motere Stirling: il Double Double U Engine. In prospettiva di dover usare degli schemi di impianto che ci conducessero ad un ciclo discontinuo si è pensato ad un sistema di recupero calori che fosse anch’esso discontinuo, gli accumuli latenti. Dopo aver studiato questi tre sistemi universali di recupero del calore si è passati a degli schemi specifici. Questi schemi sono stati concepiti col presupposto di superare il maggior difetto del ciclo proposto: la presenza di soldi. I Solidi danno due ordini di problemi:la movimentazione e lo scambio termico. In un primo schema si è risolto la movimentazione dei solidi semplicemente non muovendoli, schema a movimentazione fittizia, in un secondo si è riusciti ad ottenere di movimentarli solo per gravità, schema a gravità. Il primo schema, uno schema batch, malgrado gli sforzi non ci è parso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ciclo s-i
idrogeno
motore stirling
reattore vhtr
solare a concentrazione
termolisi
waterspliting

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi