Skip to content

Investimenti diretti esteri: gli IDE in Romania

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Di Pangrazio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: economia, finanza e legislazione per la gestione delle imprese
  Relatore: Ernesto Chiacchierini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Un campo di grande interesse nello studio della crescita economica è stato rivestito dal ruolo degli investimenti diretti esteri e dei loro effetti sulle economie dei paesi interessati.
Attualmente è dominante la cultura economica che mette in evidenza come il processo di internazionalizzazione delle imprese, l’innovazione e il modello dello sviluppo locale, siano la chiave per risolvere il problema economico che cerca di assicurare una graduale crescita della ricchezza.
Si è capito il ruolo fondamentale ricoperto dagli IDE nel processo di crescita delle economie, e ciò ha spinto gli enti pubblici ad attuare progetti di sviluppo locale contenenti obiettivi volti ad attrarre maggior volumi di investimenti greenfield e brownfield.
Il modello dello sviluppo locale è di recente salito alla ribalta, l’indomani della caduta del muro di Berlino, quando i paesi poveri dell’est europeo, i quali avevano un basso costo della manodopera, diventarono fortemente competitivi nei prezzi dei manufatti e fortemente attrattivi negli investimenti.
A partire dagli anni novanta, il fenomeno dell’internazionalizzazione delle imprese tramite IDE e altre forme di internazionalizzazione non mercantili ha assunto una dimensione sempre più rilevante, tale da configurarsi come uno dei caratteri distintivi del modello di sviluppo regionale.
Forme di decentramento produttivo, basate sulla delocalizzazione in paesi a basso costo del lavoro di specifiche fasi manifatturiere al fine di innalzare la concorrenzialità dei beni finali prodotti, si sono affiancate ad investimenti diretti volti a rafforzare la penetrazione commerciale, favorendo l’insediamento e il radicamento dell’impresa sui mercati di sbocco attraverso investimenti greenfield e acquisizioni totali o parziali di imprese estere.
Questo processo ha cominciato ad interessare anche l’economia italiana e in particolare la regione Veneto.
Inoltre, ho scelto di concentrare l’attenzione su un unico Paese, la Romania, che ha sviluppato numerosi rapporti con il Veneto e che di più di altri paesi dell’est europeo offre vantaggi e opportunità di sviluppo agli imprenditori stranieri.
Il primo capitolo racchiude alcuni concetti riguardanti la crescita economica. Dopo una breve definizione dello sviluppo e della crescita economica, ho utilizzato alcuni modelli e teorie, in particolare il modello di Solow e la teoria della crescita schumpteriana, per individuare le determinanti della crescita di un sistema economico.
La crescita di un paese è strettamente correlata alla sua capacità produttiva, ossia il tenore di vita di un sistema dipende dalla sua capacità di produrre beni e servizi (produttività).
I Governi dei paesi possono intervenire per aumentare la produttività del proprio sistema economico cercando di agire sulle determinanti della stessa.
In particolare, attraverso: l’accumulazione del capitale, l’accumulazione del capitale estero (IDE), l’istruzione, i diritti di proprietà, la stabilità politica, il libero scambio, la ricerca e lo sviluppo.
Il secondo capitolo contiene alcuni aspetti teorici riferiti proprio agli investimenti esteri. Dopo una breve trattazione delle caratteristiche degli IDE, il capitolo mette in evidenza il loro impatto sulla crescita economica differenziando il paese ricevente dal paese investitore. L’ultimo paragrafo mette in risalto la nuova geografia economica, in modo da comprendere i paesi che sono stati maggiormente interessati dagli IDE.
Il terzo capitolo è il core del testo: esso inizialmente presenterà gli investimenti esteri in Romania, fino ad arrivare ad una descrizione dettagliata dei rapporti intercorrenti tra il paese baltico e la regione Veneto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 LO SVILUPPO ECONOMICO 1.1 Marketing territoriale e sviluppo locale Il marketing di tradizionale applicazione o aziendale è incentrato sullo studio del mercato, da cui rileviamo ogni dato e informazione utile per realizzare un piano strategico di marketing, sulla base del quale facilitare l‘impresa in una più efficace azione di produzione, promozione e vendita dei suoi prodotti e/o servizi ai potenziali consumatori nella prospettiva di realizzare un profitto. Allo stesso modo, il marketing di nuova applicazione o territoriale è incentrato sullo studio del territorio e del mercato degli investitori; tale studio è finalizzato ad ottenere dati ed informazioni utili per realizzare un piano strategico di marketing territoriale, sulla base del quale facilitare l‘ente pubblico locale (regione, provincia o comune) nella sua azione di definizione, promozione e vendita di un insieme di servizi territoriali ai potenziali investitori, nella prospettiva di negoziare nuovi investimenti per migliorare la competitività delle imprese esistenti e per realizzare l‘insediamento di nuove imprese non esistenti sul territorio. Il marketing è dunque una conoscenza che, sulla scia dell‘industria privata, sta entrando anche nella pubblica amministrazione locale, tant‘è che i pubblici funzionari ambiscono di operare in maniera sempre più manageriale nel ruolo di public servants per soddisfare le esigenze di cittadini con servizi utili nel processo di sviluppo delle attività economiche e sociali. In Europa è solo intorno al 1990, l‘indomani della caduta del muro di Berlino, che l‘amministrazione pubblica locale avverte il bisogno di fare propria una prassi manageriale per sostenere le imprese di fronte alla concorrenza dei Paesi dell‘est europeo, caratterizzati da un basso costo di manodopera e da

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crescita economica
ide
investimenti diretti esteri
investimenti esteri in romania
investimenti esteri regione veneto in romania
modello di solow
teoria della crescita schumpteriana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi