Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra blog e giornalismo, uno sguardo critico sul mondo dell'informazione in Rete

Su Internet ci sono una molteplicità di attori che fanno informazione. Tra blog e giornalismo, la sfida di questa tesi è stata lo sviluppo di un approccio analitico alla materia che fosse in grado di analizzare la blogosfera nel suo complesso, di comprenderne le relazioni con il mondo del giornalismo professionale tentando di capire quale sia il futuro delle news on-line dopo l'avvento di strumenti come l'iPad di Apple

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione In un libro recentemente uscito, Oliviero Bergamini passa in rassegna le varie fasi attraversate dal giornalismo di guerra a partire da quando il giornalismo, per come lo conosciamo adesso, non esisteva ancora (Napoleone) fino alla Guerra in Iraq e alla guerra in Afghanistan1. Uno tra i leit motif del libro Ł riflettere sull importanza della figura del giornalista nel mondo dell informazione mettendo particolarmente a fuoco le sfide che un professionista deve affrontare nel XXI Secolo per mantenere imparzialit e indipendenza di guidizio. Questi caratteri vengono meno, nella trattazione di Bergamini, a causa delle modificazioni intervenute nella pratica quotidiana del giornalismo. Secondo l’inviato del TG3 la crisi della Professione sarebbe causata da una serie di problemi specifici. In primo luogo, la concentrazione di testate: sempre piø giornali, televisioni etc. appartengono a sempre meno gruppi industriali. In secondo luogo, i giornalisti sarebbero sempre piø inclini a cadere in tranelli come le fabrication2. In terzo luogo, le agenzie di stampa si sarebbero trasformate in grandi service che forniscono non solo notizie, ma anche filmati. In questo modo, non Ł piø necessario, per le televisioni, mantenere costose e pericolose sedi di corrispendenza dai teatri di guerra, ma basta fare un po’ di taglia e cuci ed Ł possibile fornire ai telespettatori qualcosa che assomiglia ad un racconto di guerra. L insieme di questi fattori rende l informazione poco affidabile, poco indipendente e, soprattutto, porta nelle case dei telespettatori di tutto il mondo 1 Per certi aspetti, sarebbe stato piø economico partire da un testo come La storia del giornalismo italiano di Murialdi. Il fatto Ł che, in situazioni-limite come la guerra, il giornalismo assume un ruolo, se possibile, ancora piø importante per la comprensione della realt 2 Ad esempio, tutta la serie di fabrication utilizzate da George Bush Sr. e dalla sua amministrazione per iniziare la Guerra del Golfo

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Piccinelli Casagrande Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3690 click dal 12/05/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.