Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La separazione tra proprietà e controllo. Il caso Enron.

Il lavoro da me realizzato, si è basato sull'analisi di quei modelli di governo d'impresa che portano a problemi tra coloro che sono i proprietari della società e coloro che invece gestiscono la società.
Problemi legati soprattutto alal divergenza degli obiettivi tra azionisti e manager.
L'esempio più eclatante degli ultimi decenni è proprio quello relativo alla società Enron, senza tralasciare altri particolari fallimenti di grandi società e multinazionali avvenute nel nostro paese, vedi caso Parmalat

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il tema degli assetti di governo e della separazione tra la proprietà e il controllo delle imprese ha da sempre occupato un ruolo di rilievo nella letteratura economico-aziendale a livello internazionale. Negli ultimi anni, anche per effetto di numerosi collassi di imprese multinazionali ritenute invulnerabili, il problema della separazione tra la proprietà e il controllo è tornato fortemente alla ribalta. Il fallimento di imprese quali Parmalat, Enron, Ahold, ha portato una nuova ondata regolatrice nella maggior parte dei paesi industrializzati, i tradizionali meccanismi di controllo, hanno mostrato enormi lacune. Il presente lavoro è strutturato in 3 capitoli. Il primo capitolo è incentrato sull’evoluzione delle teorie sulla separazione tra la proprietà e il controllo, partendo dal lavoro di Bearle e Means che individuano nella separazione tra proprietà e controllo un potenziale conflitto interno all’impresa, per arrivare poi alla Teoria dell’Agenzia sviluppata da Jensen e Meckling. Nella parte finale del capitolo, in relazione alla struttura proprietaria, vi è una descrizione delle diverse forme di governo delle imprese nei diversi sistemi capitalistici: public company, impresa consociativa e impresa familiare. Il secondo capitolo è stato dedicato al della società Enron, una delle più grandi multinazionali del mondo, operativa nel settore dell’energia, che fallì nel 2001 dopo anni di gestione opportunistica da parte dei manager. Viene messa in evidenza anche la collusione dei manager con organi istituzionali, che avrebbero dovuto controllare sul loro comportamento. Un approfondimento è dedicato ai “principi guida” dell’attività imprenditoriale di Enron, al ruolo svolto dal consiglio di amministrazione e al sistema di controlli interni ed esterni messi in atto dalla società.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Patrick Chiaravalloti Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2813 click dal 17/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.