Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal PCI al PDS. Il caso pavese

La tesi analizza, seguendo i canoni della storiografia e della politologia, il complicato passaggio dal PCI al PDS in Italia e nella provincia di Pavia, attraverso le fonti orali e le testimonianze di chi lo ha vissuto.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Un partito è un insieme di donne e di uomini che decidono di vivere insieme una parte della loro vita, di credere e di lottare insieme; un partito è un‟insieme di idee, che maturano e si sviluppano nel contesto sociale e culturale nel quale sono calate; un partito è l‟insieme di queste donne e uomini e di queste idee, allo scopo di realizzare i propri programmi politici da attuare mediante il governo, nella duplice dimensione locale e statale. Non è mai semplice studiare la storia di un partito politico. Le variabili umane e politiche in gioco sono talmente mutevoli e, a volte, sfuggenti che spesso riesce difficile metterle insieme per delineare una coerente cronologia degli eventi e delle idee. Da quando la lotta di Liberazione dal nazifascismo ha riportato in Italia la libertà d‟azione politica, i partiti si sono affermati come strumenti essenziali della vicenda democratica, tanto da far definire la nostra democrazia come la “democrazia dei partiti” 1 . Esauritesi le potenzialità politiche del movimento liberale che aveva governato l‟Italia dall‟Unità fino al Fascismo, nuovi protagonisti della scena politica furono quei partiti che – quasi tutti – rinacquero sulle ceneri delle culture politiche che il fascismo aveva combattuto, e che per anni avevano vissuto nella clandestinità: il partito della Democrazia cristiana, il Partito socialista italiano di unità proletaria, il Partito comunista italiano, il Partito liberale italiano, il Partito democratico del lavoro 2 ed il Partito repubblicano italiano 3 ; unica, vera novità fu il Partito d‟azione 4 . I rapporti di forza tra questi partiti nella nuova Italia postbellica si definirono alle elezioni per l‟Assemblea costituente del 2 giugno 1946. Primo partito fu la DC, con il 35,18% dei voti; seguivano lo PSIUP – 20,72% – ed il PCI – 18,97%. Buon successo ebbero il PRI – 4,37% , sull‟onda del referendum istituzionale – e l‟Unione democratica nazionale 5 – 6,79%. La vera sorpresa furono sia la sconfitta del Pd‟A – 1 P. SCOPPOLA, La repubblica dei partiti, Bologna, il Mulino, 1991, p. 9. 2 Questi cinque partiti avevano dato vita al Comitato di liberazione nazionale (CNL). M. RIDOLFI, Storia dei partiti politici, Milano, Mondadori, 2008, p. 129. 3 Forte della propria pregiudiziale repubblicana, il PRI si era rifiutato di entrare nel CLN; dopo il referendum istituzionale, entrò nel primo governo della Repubblica. L. LOTTI, I partiti della repubblica, Firenze, Le Monnier, 1997, p. 100. 4 Unico partito di nuova formazione, proveniente dalla cultura della sinistra democratica. RIDOLFI, Storia dei partiti politici, cit., p. 128. 5 Nata dall‟incontro elettorale di PLI e DL. Ivi, p. 132.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudio Pasi Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 529 click dal 11/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.