Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di internazionalizzazione nel settore della componentistica auto: il caso Brembo

Il presente lavoro si propone di analizzare, partendo dallo studio delle dinamiche del settore automobilistico e delle conseguenze che queste hanno sul settore della componentistica auto, il caso specifico di un’azienda, Brembo S.p.A., attiva nello sviluppo, produzione e vendita di sistemi frenanti a disco. Lo studio vuole cogliere, anche in chiave storica, l’evoluzione dell’ambiente in cui si colloca l’impresa, evidenziando le forze e le dinamiche che ne stanno plasmando la struttura e ne guidano lo sviluppo futuro, cercando di capire come questa reagisca ed interagisca con lo stesso. In particolare si è voluto studiare il comportamento dell’azienda in merito alle scelte di internazionalizzazione ed analizzare come il progressivo allargamento geografico delle attività ne abbia influenzato il carattere e modificato l’assetto organizzativo. Lo studio è stato accompagnato da un’applicazione comparativa di alcuni dei modelli teorici sviluppati nell’ampia letteratura dedicata ai processi di internazionalizzazione delle imprese.
Il lavoro comprende un’analisi approfondita del settore automobilistico, uno studio accurato degli elementi e delle dinamiche del settore dei componenti per autoveicoli a cui fa seguito un’analisi del settore dei freni a disco, svolta applicando il modelli delle cinque forze di Porter e quello di Yip. Si è quindi analizzato il caso di Brembo S.p.A, un’azienda operante nel settore dei freni a disco, e si è visto come il suo processo di internazionalizzazione sia assimilabile a quello descritto nei modelli a stadi. La dislocazione geografica delle attività della catena del valore e l’assetto organizzativo dell’impresa ne denotano l’orientamento globale e l’accentramento decisionale. Come in molte altre aziende del medio capitalismo italiano, la crescita internazionale è avvenuta costituendo un gruppo di imprese; un insieme di società giuridicamente distinte ma strategicamente orientate dall’opera di un’unica impresa.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 Il settore automobilistico 1. L’industria automobilistica del nuovo millennio L’industria automobilistica internazionale sta attraversando un periodo di profondi cambiamenti che lasceranno il segno e ne modificheranno inevitabilmente la struttura e quella dei suoi protagonisti. Le forze promotrici di questo cambiamento sono l’accresciuta concorrenza, il rapido affermarsi di nuove tecnologie, consumatori più esigenti, un aumento delle politiche governative e l’accelerazione della globalizzazione economica. Molti confini stanno scomparendo, sia all’interno del settore, che all’esterno: le attività di progettazione e produzione si stanno integrando sempre più; si vanno eliminando le barriere tra produttori e fornitori; capitali, tecnologie e persone si muovono liberamente attraverso confini nazionali un tempo insormontabili. In più, frequenti fusioni ed acquisizioni stanno modificando i rapporti di forza tra gli attori del settore. L’industria automobilistica sta cercando di disfarsi di un modello di business vecchio, che ha caratterizzato la sua struttura per tutto il Novecento. Il vecchio modello, basato sui principi della produzione di massa, ha contribuito a creare un’industria ad alta intensità di capitale e di lavoro, più preoccupata dei volumi produttivi che delle esigenze dei consumatori; un’industria che alla fine si è dimostrata troppo rigida e

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: René Enzo Van Olst Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4140 click dal 17/05/2010.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.