Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elaborazione di una guida informativa illustrata a fumetti per educare le persone a prevenire le recidivedelle ulcere venose agli arti inferiori

La prevenzione, è l’obbiettivo primario in ogni ambito, usare delle strategie come esplicazione delle teorie, possono suggerire molte possibilità, come una tecnica comunicativa per molti, e in special modo per le persone anziane che hanno molte difficoltà nelle attività quotidiane, una soluzione potrebbe essere l’uso di un libretto illustrato.Esistono molte scale che misurano lo stato percepito di salute le caratteristiche psicosociali, ma bisogna tenere conto che le persone esigono mezzi di comunicazione semplici con spiegazioni e facilmente reperibili, come il fumetto per esempio. Attraverso il racconto di un’ ipotetico caso clinico molto vicino alla realtà, raccontare con delle semplici immagini illustrate come fare prevenzione alle recidive delle ulcere venose agli arti inferiori. Le teoriche Roper , Orem e Riehl sostengono l’educazione della persona assistita ruolo importante per la prevenzione, ci indirizzano (la Teorica Orem in prevalenza) all’auto assistenza ovvero “self Care “, quindi rendere la persona esperta e attenta ai suoi bisogni di salute ed attraverso le diagnosi infermieristiche NANDA si delineano le sfaccettature della personalità della persona di come affronta e interpreta le realtà quotidiane. I dati epidemiologici rendono noti che nei paesi occidentali, la prevalenza dell’insufficienza venosa cronica a carico degli arti inferiori è del 10-50% nella popolazione adulta maschile e del 50-55% in quella femminile, la prognosi delle ulcere venose è poco favorevole tendono a guarire in tempi lunghi e a recidivare con grande facilità.
Il 50-75% guarisce in 4-6 mesi mentre il 20% resta aperto a 24 mesi e l’8% a 5 anni.
In età lavorativa, il 12,5% delle persone ha registrato un prepensionamento.
Lo screening e di mezzi diagnostici non invasivi sono la prima scelta nella diagnosi, ovviamente necessita di personale con specifiche competenze.L’educazione continua delle persone croniche è importante per evitare che ricadano nelle recidive.
Purtroppo arrivano in ambulatori specifici quando ormai hanno una o più lesioni, ed l’elastocompressione è il mezzo efficace per la cura delle ulcere venose e in presenza di varici, edemi ed altre patologie della classificazione CEAP, per prevenirne la comparsa.

Classificazione CEAP per la patologia venosa degli arti inferiori
• C clinica (C0-C6) - sintomi - obiettività
• E etiologia (Ec-p-s) - congenita - primitiva - secondaria
• A anatomia (A1-18) - superficiale - profondo - perforanti
• P patofisiologia (Pr-o) - reflusso – ostruzione

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Presentazione. Questa tesi è dedicata a tutti coloro che ogni giorno devono far uso delle proprie risorse: fisiche, spirituali, emotive, economiche, per essere di ausilio anche ai care- giver che accudiscono i propri cari, cercando di rendere il percorso assistenziale uno scambio di opinioni e idee/strategie, in modo da non cadere nelle recidive. I costi dei mezzi di ausilio per indossare le calze, e le calze stesse , tutte le difficoltà quotidiane: faccende domestiche, fare la spesa ecc., inducono le persone ad non avere un appropriato metodo di prevenzione. Molti studi parlano dell’efficacia dell’elastocompressione, come mezzo importante per guarire dalle ulcere venose, di contro, ci sono pochi trattati sulla compliance e il disagio che devono affrontare queste persone durante il percorso terapeutico, di conseguenza perdono fiducia, e si scoraggiano facilmente per le difficoltà che devono affrontare, anche il fatto di dover indossare le calze, o avere delle fasce elastiche, è di per se fastidioso, in special modo durante i periodi estivi,. la situazione si complica enormemente durante la mattina, appena sveglie queste persone devono indossare le calze elastiche , e per molti questo atto diventa una specie di tormento. Per questo l’opuscolo è stato dedicato , per aiutare le persone ad avere un buon giorno, e non una giornata iniziata male. La ricerca, è un elaborazione di un modello di libretto informativo illustrato a fumetti, le generalità sono: 1. di facile lettura. 2. immagini chiare 3. con grafica piacevole . E’ molto difficile comprendere le persone durante il loro percorso di cura, stabilire quali sono le loro attività di vita quotidiane,la stesura stessa del opuscolo informativo è stato formulato attraverso l’ esperienza in ambito territoriale, negli ambulatori delle lesioni cutanee a Careggi, durante il tirocinio del master, per questo motivo, si basa sulla narrazione di un ipotetico caso clinico, (immaginario), molto vicino alla realtà, il caso di Maria, ex degente dell’ambulatorio, che dopo alcune problematiche 6

Tesi di Master

Autore: Roberta Pardini Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1343 click dal 25/05/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.