Skip to content

L'abbandono universitario: una indagine su un campione di studenti di Scienze Politiche

Informazioni tesi

  Autore: Mario De Pasquale
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Roberto Cartocci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Le motivazioni dell'abbandono universitario sono molteplici. analizzando un piccolo campione della Facoltà di Scienze Politiche, utilizzando metodi sia quantitativi che qualitativi, scopriamo che le problematiche legate alla stratificazione sociale, alla disponibilità di risorse, e alla mancanza di una adeguata fase di indirizzo, condizionano ancora il percorso di studi di una rilevante percentuale di giovani.
L'impianto quantitativo della tesi è basato su tabelle di contingenza, mentre quello quantitativo si basa su colloqui informali. Una introduzione basata sui testi in bibliografia, e conclusioni contenenti ipotesi di prospettiva completano il lavoro. Tesi snella, adeguata alla conclusione di un percorso di studi triennale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 L’università italiana e i mutamenti socio-economici 1.1 - Riforma e cambiamento L’attuale status del sistema universitario italiano vede le sue linee di indirizzo sancite dal decreto 509\1999, più comunemente definito come la riforma “del 3+2”, o “riforma Berlinguer”. A dire il vero quel decreto, causa l’instabilità politica della compagine di centro-sinistra dell’epoca, venne firmato dal ministro Ortensio Zecchino, successore di Luigi Berlinguer, che quella riforma fortemente aveva voluto. Quel decreto giunge appena quattro mesi dopo la firma del Processo di Bologna. In quella sede i diversi paesi partecipanti si erano prefissi lo scopo di creare uno spazio didattico europeo per l’istruzione superiore, omologando i “pesi” dei diversi titoli di studio, e creando un sistema di valutazione basato sul conseguimento di “crediti formativi universitari” (CFU), che potesse essere adottato indipendentemente dalla sede universitaria. La nuova università italiana vorrebbe offrire percorsi di studio più brevi, che consentano di giungere all’età di 22\23 anni sul mercato del lavoro. Vengono istituite 42 classi di laurea triennali e 104 classi di laurea specialistica. All’origine di una istanza di riforma tanto forte non c’è soltanto il Processo di Bologna. Più a monte troviamo la Dichiarazione della Sorbona, del 25 maggio 1998, dove i ministri competenti di Francia, Inghilterra, Germania e Italia sintetizzano la volontà di creare una “Europa della conoscenza”, assegnando all’Università un ruolo centrale in tal senso. Il clima politico è favorevole in tal senso. A conferma di una visione prevalente ultranazionale l’euro, la moneta unica del vecchio continente, risultato del Trattato di Maastricht del 1992 è in dirittura d’arrivo sui mercati finanziari. Dopo qualche anno giungerà tangibile anche nelle tasche dei cittadini. Certo è che in questa lenta e lunga marcia verso una Europa unita, almeno a livello economico non mancano le contraddizioni. 1.2 - Modelli di sviluppo e formazione Se entrare nell’area euro significa per ogni paese accettare chiari vincoli restrittivi sull’andamento del rapporto tra deficit e Pil, al medesimo tempo anche gli altri parametri dettati da Maastricht rispecchiano in buona parte le linee guida per lo sviluppo economico contenute nel Libro Bianco di Jacques Delors (1993). Con le conseguenti ricadute nel campo della formazione. L’Europa ha ancora fresca memoria del crack delle Borse del 1987, e si ingegna nella produzione di anticorpi capaci di evitare il ripresentarsi di una situazione di pernicioso squilibrio tra timori di recessione e spinta inflazionistica. Il modello di sviluppo auspicato da Delors individua nel livello di istruzione e nella formazione professionale quelle che sono le priorità da perseguire. L’Europa non riesce a guadagnare posizioni nei mercati ad alto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abbandono
abbandono universitario
bourdieau
campione
drop-out
ffo
habitus
indagine
laureati numero
mobilità sociale
occupazione
pil istruzione
prevedibili novità
produttività atenei
prospettive occupazionali
riforma universitaria
risorse
scelta universitaria
stratificazione
studente equivalente
studenti
studenti indagine
tre + due
università

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi