Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hundertwasser e l'Italia 1955 - 1980. Testimonianze di una relazione.

Mi sono posto l’obiettivo ulteriore di indagare sul rapporto tra Hundertwasser e la cultura italiana, ricercando le testimonianze delle occasioni d’incontro realizzatesi durante la sua vita: ciò a partire dalla prima mostra personale presso la Galleria del Naviglio a Milano, nel 1955, che fece conoscere l’Artista – allora trentaseienne – al pubblico italiano, fino alla mostra del 1980 a Palazzo Reale di Milano (precedentemente a Palazzo Barberini a Roma). Sulla base di queste testimonianze propongo delle considerazioni conclusive, necessariamente provvisorie, per le ragioni che esporrò a suo tempo.La scarsa attenzione della critica italiana nei confronti di un personaggio, la cui vita e la cui attività artistica si sono svolte in modo spesso clamoroso, la cui produzione artistica ha raggiunto numeri notevoli ed è diffusa in molti Paesi, pone interrogativi cui si tenterà di dare una risposta.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il mio interesse per Hundertwasser fu destato da una visita alla casa da lui realizzata a Vienna, nella Löwengasse, comunemente chiamata “Hundertwasser Haus”, che colpì la mia immaginazione per le sue forme curiose ed i colori squillanti; ricordandomene, dopo molti anni, ho voluto concludere il mio percorso universitario soddisfacendo il bisogno di meglio conoscere l’opera e le idee dell’Artista. Nella mia ricerca ho attinto alle fonti critiche e documentarie che ho potuto reperire 1 , ricavandone informazioni e valutazioni che mi hanno permesso sia di riferire sulla sua singolare vicenda artistica ed umana, sia di formarmi un’idea della sua personalità e della sua concezione dell’opera artistica: ho potuto approfondire la conoscenza delle sue idee sul rapporto tra l’uomo e la natura, apprezzandone l’ingenua freschezza, conservatasi negli anni anche grazie all’appassionata predicazione che Hundertwasser ne volle fare; ho avvertito la simpatia che il personaggio riusciva a suscitare, nonostante la bizzarria ostentata nei suoi comportamenti, perché mi è parso che in definitiva egli abbia sempre perseguito con sincera convinzione la ricerca di un felice rapporto tra uomo e natura, attribuendo all’arte il ruolo di taumaturgico mediatore. Mi sono posto l’obiettivo ulteriore di indagare sul rapporto tra Hundertwasser e la cultura italiana, ricercando le testimonianze delle occasioni d’incontro realizzatesi durante la sua vita: ciò a partire dalla prima mostra personale presso la Galleria del Naviglio a Milano, nel 1955, che fece conoscere l’Artista – allora trentaseienne – al pubblico italiano, 1 Oltre ai testi a stampa indicati nella bibliografia, ho potuto prendere visione dei cataloghi delle mostre considerate nel capitolo terzo: in particolare, ho potuto ottenere copia del catalogo dell’esposizione presso la Galleria del Naviglio dalla galleria stessa; copia di quella presso la Galleria d’Arte La Bussola dalla Biblioteca della G.A.M. di Torino. Ho invece reperito copia del catalogo della mostra alla Galleria La Medusa e copia dell’opuscolo “Giulio Macchi propone una sollecitazione del pittore Hundertwasser: Inquilino Albero” presso la Biblioteca Comunale di Trezzo s/Adda, donazione di A. e M. De Micheli. Ho consultato il Catalogo della Biennale di Venezia presso la Biblioteca Comunale di Palazzo Sormani a Milano, quello della manifestazione “Contatto arte/città” presso la Biblioteca del Palazzo dell’Arte di Milano e quello della mostra di Palazzo Reale presso la Biblioteca d’Arte del Castello Sforzesco di Milano.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federico Pontiroli Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 691 click dal 24/05/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.