Skip to content

Comunicazione cellulare nei batteri lattici degli alimenti

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro D'Alba
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Marco Gobbetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

I batteri, per lungo tempo, sono stati considerati come entità cellulari individuali, le cui principali funzioni consistono nell’approvvigionamento nutritivo e nella moltiplicazione cellulare all’interno di un ecosistema. L’evoluzione dei metodi analitici per lo studio microbico, ha permesso di constatare come i batteri eseguano un monitoraggio della popolazione, atto a verificare la presenza di microrganismi sia ospiti e sia competitori (Fuqua et al., 1996). In tale contesto i batteri sintetizzano, rilasciano, rilevano e rispondono a molecole simil-ormonali chiamate “autoinduttori”. La concentrazione di tali molecole aumenta parallelamente all’intensità della popolazione fino a quando, raggiunta una certa soglia o “quorum”, la percezione di tali segnali si traduce in una cascata di reazioni che provocano cambiamenti dell’espressione genica. Tale fenomeno prende il nome di “quorum sensing” e descrive i meccanismi che regolano la comunicazione cellulare (Miller e Bassler, 2001).
Sulla base di tali considerazioni, è stato recentemente introdotto il termine di “sociomicrobiologia” che studia i molteplici comportamenti di una popolazione batterica che funziona come un aggregato coordinato di organismi viventi (Parsek e Greenberg, 2005). Mettendo in atto le suddette dinamiche i microrganismi sono in grado di espletare le proprie funzioni metaboliche all’interno di una popolazione. Tale condizione comporta una serie di vantaggi per i microrganismi, quali, la possibilità di migrare da un ambiente meno idoneo ad uno più favorevole e di adottare nuove modalità di crescita che possono proteggerli da ambienti nocivi (de Kievit e Iglewski, 2000).
Il quorum sensing è un meccanismo che regola diverse funzioni cellulari, quali:
- la bioluminescenza (Miller e Blasser, 2001);
- la produzione di biofilm, come osservato in Pseudomonas aeruginosa (Davies et al., 1998; Zhu e Mekalanos, 2003);
- la virulenza in alcune specie, tra cui Vibrio cholerae (Miller et al., 2002);
- la produzione di antibiotici (Derzelle et al., 2002; Takano et al., 2001);
- l’induzione di fattori di virulenza negli organismi di ordine superiore (es. piante) (Dow et al., 2003);
- la sintesi di batteriocine (Eijsink et al., 1996; Brurberg et al., 1997; Hauge et al., 1998);
- la sporulazione (Perego e Hoch, 1996);
- la regolazione dei flussi nutritivi (March e Bentley, 2004).
La comunicazione cellulare tra i batteri si può avere a livello intra- e interspecie mediante meccanismi differenti in funzione dei batteri Gram-negativi e batteri Gram-positivi. Affinché un composto chimico possa essere considerato una molecola segnale deve poter innescare una reazione all’interno di una popolazione microbica diversa da quella che le cellule presentano in una condizione individuale. Le molecole segnale devono possedere anche proprietà chimiche che ne consentano la diffusione nell’ambiente.
In relazione agli ecosistemi alimentari tali molecole possono avere anche delle ripercussioni dal punto di vista organolettico. In generale, ogni specie batterica produce e risponde ad un solo segnale autoinduttore. Nei batteri Gram-negativi, la comunicazione intra-specie è mediata da una famiglia di molecole definite chimicamente come acil-omoserina lattoni, in sigla AHLs dall’inglese acyl-homoserine lactones (oppure, HSL) (Fuqua et al., 2001). Nei batteri Gram-positivi, il quorum sensing intra-specifico è per lo più regolato da peptidi a basso peso molecolare (Merritt et al., 2003).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE I batteri, per lungo tempo, sono stati considerati come entità cellulari individuali, le cui principali funzioni consistono nell’approvvigionamento nutritivo e nella moltiplicazione cellulare all’interno di un ecosistema. L’evoluzione dei metodi analitici per lo studio microbico, ha permesso di constatare come i batteri eseguano un monitoraggio della popolazione, atto a verificare la presenza di microrganismi sia ospiti e sia competitori (Fuqua et al., 1996). In tale contesto i batteri sintetizzano, rilasciano, rilevano e rispondono a molecole simil-ormonali chiamate “autoinduttori”. La concentrazione di tali molecole aumenta parallelamente all’intensità della popolazione fino a quando, raggiunta una certa soglia o “quorum”, la percezione di tali segnali si traduce in una cascata di reazioni che provocano cambiamenti dell’espressione genica. Tale fenomeno prende il nome di “quorum sensing” e descrive i meccanismi che regolano la comunicazione cellulare (Miller e Bassler, 2001). Sulla base di tali considerazioni, è stato recentemente introdotto il termine di “sociomicrobiologia” che studia i molteplici comportamenti di una popolazione batterica che funziona come un aggregato coordinato di organismi viventi (Parsek e Greenberg, 2005). Mettendo in atto le suddette dinamiche i microrganismi sono in grado di espletare le proprie funzioni metaboliche all’interno di una popolazione. Tale condizione comporta una serie di vantaggi per i microrganismi, quali, la possibilità di migrare da un ambiente meno idoneo ad uno più favorevole e di adottare nuove modalità di crescita che possono proteggerli da ambienti nocivi (de Kievit e Iglewski, 2000). Il quorum sensing è un meccanismo che regola diverse funzioni cellulari, quali: - la bioluminescenza (Miller e Blasser, 2001);

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alimenti
batteri lattici
comunicazione cellulare
quorum sensing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi