Skip to content

Signore e Signori, ecco a voi il varietà. L'evoluzione di un genere: dai primi varietà al one man show.

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Todisco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Maurizio Costanzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 371

Personaggi, trasmissioni, testimonianze che contribuiscono a tracciare un disegno composito ed articolato del varietà televisivo, delineandone la fisionomia, ripercorrendone la storia ed ipotizzandone le evoluzioni future.

LE ORIGINI
Che varietà prima del “varietà”!
L’archeologia del genere evidenzia che le origini del varietà attingono, in varia misura, da ciascuna delle forme di intrattenimento precedenti: la commedia dell’arte, il circo, il café-chantant e ancora il teatro di varietà, la rivista, l’avanspettacolo, il cabaret, sino a Carosello sono reperti che il varietà televisivo ha rielaborato e riadattato alla sua spettacolarità.
Il varietà è una forma di spettacolo pre-televisiva e televisiva, basata sulla parola, in cui la quotidianità dà forma alla scena. Teatralità, oralità e quotidianità, sono i cardini attorno ai quali ruota la definizione del genere, arricchita da una descrizione analitica delle sue marche testuali, tra cui, la collocazione in palinsesto; quest’ultima, mutando nel corso del tempo, sollecita l’evoluzione del varietà indissolubilmente legato al concetto di festa.

Dalla platea all’audience.
Nel passaggio dal teatro allo studio il varietà è un travaso di spettacoli ed artisti teatrali; successivamente diviene una forma di spettacolo specificatamente pensata e realizzata per la tv.

IL PASSATO
Il varietà tradizionale.
Negli anni Cinquanta, il varietà, ancora legato ai canoni teatrali, è percepito dal pubblico come evento festivo: rompe la monotonia di una televisione pedagogica, facendo irruzione nelle case degli italiani nelle serate di festa. Lo spettacolo è curato ed elegante contraddistinto dallo stile di Antonello Falqui.

Te lo do io il varietà.
Dagli anni Settanta muta la televisione, cambiano i linguaggi, si attua una progressiva festivizzazione della programmazione quotidiana: il varietà occupa spazi più ampi e si adegua ai mutamenti occorsi. Enzo Trapani è precursore di uno stile televisivo che connoterà tutto l’intrattenimento a seguire.

IL PRESENTE
Cosa c’è stasera in tv?
Nel panorama televisivo attuale, caratterizzato dalla contaminazione tra generi diversi, scompaiono i varietà di stampo più classico e la spettacolarità del formato resta come frammento inserito all’interno di altri contenitori. Il varietà, inglobato il concetto di flusso, lo estremizza, fino a creare uno spettacolo, fiume ininterrotto di intrattenimento puro: il one man show. Il varietà ritorna ad essere evento – festivo e raro - a causa della complessità produttiva e della difficoltà di reperire risorse artistiche ed economiche adeguate.

Intratteniamoci con…
Lavorando in una struttura produttiva ho avuto modo, oltre che di osservare da vicino la realizzazione di un varietà, di conoscere e parlare con persone che in quel lavoro sono direttamente coinvolte. Interviste rilasciate da professionisti che, con funzioni e ruoli differenti, contribuiscono all’ideazione e alla messa in opera di un varietà televisivo: Stefano Torrisi - produttore –, Riccardo Cassini e Fabio di Iorio - autori -, Giorgio Panariello e Paola Cortellesi - conduttori. Ad esse, si aggiunge il contributo di Carlo Freccero, importante testimone del passaggio dalla tv anni Ottanta a quella dei giorni nostri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 9 - INTRODUZIONE Questa ricerca si propone di ricostruire, tassello dopo tassello, la storia, il clima, l‟evoluzione di un genere televisivo che affonda le sue radici nel teatro. Il varietà è una forma di spettacolo pre-televisiva e televisiva, basata sulla parola, in cui la quotidianità dà forma alla scena. La teatralità, l‟oralità e la quotidianità, sono i cardini attorno ai quali ruota la definizione del genere, arricchita anche da una descrizione analitica delle marche testuali che connotano il varietà: attanti, performance, ritmo, zolle contenutistiche e collocazione nel palinsesto. Il posizionamento del varietà nella griglia di programmazione muta nel corso del tempo, sollecitando l‟evoluzione del genere, indissolubilmente legato al concetto di festa. L‟archeologia del varietà evidenzia che le sue origini attingono, in varia misura, da ciascuna delle forme di intrattenimento precedenti, che hanno contribuito a delinearne le peculiarità. La commedia dell‟arte, il circo, il café-chantant e – ancora - il teatro di varietà, la rivista, l‟avanspettacolo, il cabaret, sino a Carosello: reperti che il varietà televisivo ha rielaborato e riadattato alla sua spettacolarità. Inizialmente il varietà televisivo ha difficoltà ad affermarsi, come, del resto, il medium televisivo in genere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avanspettacolo
cabaret
cafè-chantant
evoluzione linguaggi
intrattenimento
one man show
sabato sera
varietà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi