Skip to content

Crisis Management: la crisi finanziaria e la comunicazione delle banche

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Fiammante
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Consumi, Distribuzione Commerciale e Comunicazione d'Impresa
  Relatore: Vincenzo Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

La capacità di saper gestire in modo corretto una crisi aziendale, specialmente se improvvisa e di grosse dimensioni, ha assunto un’enorme importanza per la sopravvivenza stessa di ogni azienda. Le nuove sfide del nostro periodo – discontinuità, globalizzazione, accelerazione, interdipendenza e intangibilità – costringono le imprese a prevedere e anticipare ogni possibile crisi per essere pronti ad affrontarle e gestirle con successo.
La gestione di una crisi aziendale dunque è caratterizzata da un’elevata complessità, ed è fortemente esposta al rischio di errori per la delicata situazione ambientale e psicologica che si viene a creare all’esterno e all’interno dell’impresa. Pertanto è necessario che la gestione della crisi sia il risultato di una attenta e valida preparazione e pianificazione. Non è ammissibile che il managemet aziendale si faccia sorprendere impreparato, riducendo così la propria azione all’adozione di strategie successive, volte al contenimento degli effetti della crisi o all’occultamento di eventuali responsabilità. Al contrario, per lo sviluppo e il progresso dell’impresa è necessario che il management acquisisca consapevolezza del verificarsi di fenomeni di squilibrio che possono minare la stabilità aziendale. Inoltre, le imprese dovrebbero imparare a cogliere il meglio da queste situazioni considerandole delle opportunità per il cambiamento e il rinnovamento.
Pertanto, già da alcuni anni la disciplina del crisis management, intesa come metodo composto di un insieme di procedure sistematiche adottate da un’organizzazione nel tentativo di prevenire, reagire ed imparare dalle crisi, si sta affiancando, in modo preponderante, ad altri settori consolidati come il risk management e la protezione aziendale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
12 1. CRISIS MANAGEMENT «Le questioni più gravi vanno trattate con leggerezza. Il maestro Ittei commentò: Quelle meno gravi vanno trattate con serietà» (Hagakure2) 1.1 Cos’è una crisi Il concetto di “crisi” è spesso richiamato ma scarsamente definito. Ogni campo della conoscenza umana, infatti, presenta una propria specifica definizione. Questo rende particolarmente complicato elaborare una teoria generale sulla crisi che possa comprendere in modo esauriente tutti i diversi significati che si attribuiscono a questo termine in riferimento all’ambito di utilizzo (Lagadec, 1993). Tuttavia, nonostante il termine racchiuda un universo complesso di significato, è possibile compiere un passo in avanti verso la comprensione partendo dall’etimologia della parola. In greco antico le parole χρισισv (crisis) e χρινο (crino), rispettivamente sostantivo e verbo, racchiudono una triplice valenza semantica (Perini, 1998a; p. 12): ξ «pragmatica», centrata sul concetto di divisione, allontanamento, distanza dalla situazione preesistente; ξ «cognitiva», imperniata sulla funzione del discernere, interpretare, sulla percezione della differenza e sulla consapevolezza dell’evento come trasformazione del reale; ξ «timica» o affettiva, che comporta la formulazione da parte del soggetto di un giudizio sul fenomeno, una presa di posizione che testimonia la reazione dell’individuo al cambiamento verificatosi. 2 «Tra le massime scolpite sul muro del daimio Naoshige ce n’era una che diceva: “Le questioni più gravi vanno trattate con leggerezza”. Il maestro Ittei commentò: “Quelle meno gravi vanno trattate con serietà”. Non esistono più di due o tre problemi da considerare seriamente e, se sono esaminati in tempi ordinari, possono essere compresi. Per risolverli immediatamente è necessario solo pensarci in anticipo, e poi trattarli con leggerezza quando giunge il momento. Tuttavia non è facile fronteggiare un evento e risolverlo con leggerezza se non ci si è preparati prima, perché non si sa prendere la decisione giusta. Quindi la massima “Le questioni più gravi vanno trattate con leggerezza” può essere pensata come fondamento dell’agire. (1,46)». (Yamamoto, Panatero, Bassani, 2002; p. 39)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi