Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti della BEI nell'Italia meridionale

In questo studio, verrà affrontato il tema della Banca Europea per gli investimenti e degli investimenti nell’Italia meridionale.
Nel 1955, durante la Conferenza di Messina, è stata introdotta l’idea di un organismo pubblico europeo in grado di agevolare e di dare un impulso alla mobilitazione dei capitali nelle regioni ricche e il relativo trasferimento verso le regioni povere della Comunità. La BEI è una banca destinata a finanziare progetti, in grado di procurarsi le risorse essenziali per concedere i prestiti necessari a tale scopo godendo di prestiti sui mercati di capitali.
Vedremo come essa ripercuote sui promotori dei progetti i vantaggi che trae dal suo eccellente costo di credito sulla partecipazione ai capitali e come questo ha attirato gli imprenditori privati e le amministrazioni private dell’Italia meridionale a presentare vari progetti che sono stati approvati e finanziati.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questo studio, verrà affrontato il tema della Banca Europea per gli investimenti e degli investimenti nell’Italia meridionale. Nel 1955, durante la Conferenza di Messina, è stata introdotta l’idea di un organismo pubblico europeo in grado di agevolare e di dare un impulso alla mobilitazione dei capitali nelle regioni ricche e il relativo trasferimento verso le regioni povere della Comunità. La BEI è una banca destinata a fnanziare progetti, in grado di procurarsi le risorse essenziali per concedere i prestiti necessari a tale scopo godendo di prestiti sui mercati di capitali1. Vedremo come essa ripercuote sui promotori dei progetti i vantaggi che trae dal suo eccellente costo di credito sulla partecipazione ai capitali e come questo ha attirato gli imprenditori privati e le amministrazioni private dell’Italia meridionale a presentare vari progetti che sono stati approvati e fnanziati. La Banca europea per gli investimenti La Banca europea per gli investimenti (BEI) è stata istituita nel 1958 dal Trattato di Roma. La sua funzione è quella di concedere prestiti destinati al fnanziamento di progetti di interesse europeo, quali i raccordi ferroviari e stradali, aeroporti o programmi ambientali, focalizzando l’attenzione sulle regioni economicamente svantaggiate, sui paesi candidati e sviluppati. La BEI stanzia inoltre fondi per il fnanziamento di piccole imprese. La BEI non ha scopi di lucro, non dispone di risorse causate dai depositi di risparmiatori o titolari di un conto corrente e non utilizza i fondi del budget dell’Unione Europea. Essa si fnanzia invece tramite l’acquisizione di prestiti sui mercati fnanziari e tramite i propri azionisti, gli Stati membri dell’Unione Europea. 1 Barletta, G., L’Université et les Institutions Européennes, Ed. Brizio, Taranto, 2001, p. 30. 5

Traduzione

Facoltà: Economia

Traduttore: Marco Casella Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 908 click dal 31/05/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.