Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Concerto per musica cromatica

Tesi riguardante gli studi di relazione tra i colori e suoni. Realizzazione di un prototipo di un tessuto in fibra ottica dell'azienda Luminex con 6 cablaggi a LedRGB con controllo in Max/Msp. Applicazione del prototipo alla progettazione scenica del Prometeo di Alexander Skrjabin.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L'ambito in cui si colloca la tesi è di tipo scenografico allestitivo. La progettazione proposta riguarda l'elaborazione di un modello di prodotto per lo spettacolo utilizzabile nell'ambito di ricerca collocato. L'idea progettuale consiste nell'impiego di un particolare tipo di tessuto in fibra ottica, brevettato dall'azienda Luminex di Prato, al quale si è aggiunto un controllo software sulla fonte luminosa (LedRGB) propria del tessuto. A questo tipo di tecnologia si è affiancato lo studio di un noto compositore russo Alexandr Skrjabin, e sulla sua opera Il Prometeo, ovvero la prima composizione musicale su cui venne adattata una partitura di luce-cromatica in base agli accordi eseguiti. La sezione di ricerca storica e tecnologica in apertura abbraccia il periodo che intercorre tra il diciottesimo e la fine del diciannovesimo secolo fino agli inizi del ventesimo in Europa, e nell'ambito di una Russia pre-rivoluzionaria, ed è basata sull'analisi di una ricerca del rapporto scientifico e sinestetico-artistico tra suono e colore. Dai primi clavicembali per musica cromatica, fino all'elaborazione di una vera e propria “scienza” della melodia cromatica, da cui hanno attinto svariate personalità in campo artistico musicale fino ad oggi. L'ultima parte è tutta dedicata hai rapporti tra la cultura dell'epoca e il compositore russo e alla composizione e alla realizzazione della sua opera strumentale. La tesi propone dunque un exursus tecnologico storico-musicale dell'argomento trattato, volto alla presentazione finale di uno spunto progettuale tecnico, valido in questa particolare tipo di “branchia artistica”. Quella stessa “musica cromatica” che tra le varie fasi di evoluzione artistica e tecnologica ad oggi è riuscita a rientrare in un contesto scenico dagli infiniti approcci tematici che sfociano nella multimedialità: da eventi musicali, allestimenti interattivi, fino alla scelta di particolari composizioni scenografiche teatrali.

Laurea liv.I

Facoltà: Architettura

Autore: Cinzia Campolese Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 843 click dal 31/05/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.