Skip to content

Esercizio non autorizzato della sovranità statale in territorio straniero. Il caso del sequestro internazionale.

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Nigro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Gemma Andreone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

E’ incontestato in dottrina che il mezzo coercitivo del sequestro internazionale costituisce violazione della sovranità territoriale quando lo svolgimento di questa attività non è autorizzata da parte dello Stato territoriale. Pertanto il compimento di un’attività di questo tipo rappresenta un caso di illecito internazionale da parte dello Stato al quale l’attività stessa sia imputabile nei confronti dello Stato territoriale. La violazione di una norma del diritto internazionale generale costituisce una condotta illecita che genera a carico dello Stato che l’ha posta in essere ulteriori obblighi internazionali cui si contrappongono corrispondenti diritti dello Stato leso, in relazione alla cessazione e alla riparazione degli effetti dannosi con essa prodotti.
Pur tuttavia per diversi motivi la pratica del sequestro internazionale è diventata sempre più diffusa, fino a raggiungere il culmine dopo gli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti.
Pertanto nelle tante questioni sorte si è fatto ricorso per dare giustificazione al sequestro a svariate motivazioni caso per caso. Si è addotto il diritto d’inseguimento terrestre; lo specifico ruolo delle persone che hanno effettuato la cattura, se agenti o meno; la collaborazione attiva o passiva dello Stato territoriale nella cattura.
Si sono sviluppate vere e proprie dottrine che pur riconoscendo la violazione della sovranità di un altro Stato in qualche modo hanno cercato di regolamentare la pratica del sequestro. Tra queste la dottrina Ker-Frisbie che, pur ammettendo la violazione della sovranità territoriale, afferma che la violazione di questo obbligo non costituisce un motivo tale da non consentire ai tribunali di esercitare la giurisdizione sugli accusati, a prescindere dalla maniera in cui l’accusato è stato portato davanti a loro. I giuristi americani, con questa dottrina, fanno propria la massima latina male captus, bene detentus. Questa dottrina, tranne poche eccezioni quali il caso Rauscher e il caso Toscanino, è tuttora vigente negli Stati Uniti dove è stata riaffermata di recente col processo Alvarez-Machain ed è anche sostenuta in altri Stati.
Gli Stati Uniti successivamente agli attentati dell’11 settembre hanno considerevolmente aumentato la pratica dei sequestri internazionali per rendere inoffensivi in maniera veloce e efficiente un gran numero di terroristi. I criminali, secondo una procedura che prende il nome di “extraordinary rendition”, vengono spediti in Stati diversi dagli Stati Uniti per evitare le leggi statunitensi che prescrivono un giusto processo e proibiscono le torture.
La illiceità del sequestro è stata del tutto posta fuori discussione dalle attuali dichiarazioni e comportamenti di politica estera dell’Amministrazione Bush, in quanto il sequestro internazionale viene oggi giustificato da motivi di auto-difesa.
Pertanto al di là dei concetti che condannano la liceità del sequestro internazionale, la storia e i comportamenti dimostrano che detta pratica, lungi dallo scomparire, è attualmente molto seguita e trova un suo punto di giustificazione nella sicurezza statunitense. Alcuni studiosi, inquadrando il sequestro col potere dell’esecutivo di modificare o addirittura trasgredire norme di diritto internazionale consuetudinario, arrivano a considerare perfettamente lecita questa pratica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Secondo il diritto internazionale la sovranità statale consiste nel diritto dello Stato di esercitare esclusivamente il proprio potere d‟imperio nell‟ambito del proprio territorio e sui propri cittadini. La sovranità dello Stato si afferma soltanto in rapporto a determinate e limitate cerchie spaziali e nei confronti dei gruppi sociali in tali cerchie stanziati. Pertanto esiste da parte dello Stato il diritto di godere appieno del proprio territorio e di conseguenza un corrispettivo obbligo rivolto agli altri Stati di astenersi dall‟esercitare il proprio potere nel territorio di un altro Stato. Nella pratica internazionale non viene mai in evidenza il diritto soggettivo dello Stato di godere appieno del proprio territorio, ma emerge solamente il corrispettivo obbligo degli altri Stati di astenersi dall‟esercitare il proprio potere statale in territorio estero. La sovranità non appare mai evocata al fine di stabilire e di discutere il diritto soggettivo di uno Stato ad esercitarla nel suo insieme e nei confronti degli altri Stati, bensì soltanto al fine di discutere e di precisare la portata di limitazioni al suo esercizio, derivanti da regole internazionali generali o particolari. Lo svolgimento di attività non autorizzate da parte di uno Stato in territorio estero rappresenta l‟unica espressione suscettibile di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre
abu omar
alvarez-machain
diritto internazionale
extraordinary rendition
illecito internazionale
ker-frisbie
politica estera dell’amministrazione bush
sequestro internazionale
sovranità territoriale
violazione della sovranità territoriale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi