Skip to content

''La Voce Repubblicana'' e la programmazione economica nei primi anni sessanta

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Gennai
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Marco Cini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Capitolo 1: La necessità di una programmazione economica nazionale in Italia
Nel primo capitolo della tesi descrivo le cause, il clima ed il contesto storico che portarono il sistema politico italiano a spostare il suo asse verso una coalizione di centro-sinistra. In particolare evidenzio il ruolo del Partito Repubblicano Italiano attraverso citazioni del suo organo politico “La Voce Repubblicana”, sia per la sua posizione centrale nello schieramento politico di governo, di congiunzione tra la Democrazia Cristiana ed il Partito Socialista Italiano, sia per la sua ideologia, che si è tradotta concretamente attraverso il ruolo del suo leader carismatico, nonché Ministro del Bilancio e della Programmazione, Ugo La Malfa.
Capitolo 2: La Nota Aggiuntiva di Ugo La Malfa
Nel secondo capitolo evidenzio l’ importanza e la funzione della Nota Aggiuntiva, esposta dal Ministro La Malfa, attraverso la trattazione delle varie posizioni nell’ ambito del dibattito sui bilanci finanziari del maggio 1962 e della replica ad esse dello stesso La Malfa.
Capitolo 3: Il Rapporto Saraceno
Nel terzo capitolo illustro la funzione della Commissione Nazionale di Programmazione Economica evidenziando l’importanza del rapporto che Pasquale Saraceno, vice-presidente della suddetta commissione, presentò presso il Ministero del Bilancio il 10 gennaio 1964.
Capitolo 4: La concretizzazione dello sviluppo economico nei primi anni sessanta
Nell’ ultimo capitolo prendo in esame due aspetti dello sviluppo economico discussi in quel periodo: i provvedimenti per l’istituzione dell’ordinamento regionale e la nazionalizzazione dell’energia elettrica. In particolare, trattando di quest’ultima, descrivo le varie posizioni delle diverse forze politiche su tale provvedimento, evidenziando quella del Partito Repubblicano Italiano, al fine di mettere in luce il contributo dato da questo partito all’attuazione della politica economica nazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 LA NECESSITA’ DI UNA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA NAZIONALE IN ITALIA Come si arriva alla programmazione economica In Italia il bisogno di pianificazione economica divenne impellente nel secondo dopoguerra, alla fine del periodo che gli storici hanno denominato della “Prima Fase” o del Centrismo, durante il quale il partito della Democrazia Cristiana ebbe il monopolio della politica internazionale: l’adesione al Patto Atlantico (1949) ed alla Nato (1954), ma soprattutto l’adesione al Mercato Comune Europeo, influenzeranno e condizioneranno negli anni a venire la politica economica nazionale. Sul piano interno, la necessità di una programmazione economica nazionale derivava dal cosiddetto “boom economico”, ovvero quel processo di rapida trasformazione delle strutture economiche e sociali che in un decennio trasformò l’Italia da paese prevalentemente agricolo e sostanzialmente sottosviluppato, in un moderno paese industrializzato. I tassi di incremento del reddito raggiunsero valori record (6,4% nel 1959; 5,8% nel 1961; 6,1% nel 1962) tra il 1959 e il 1962; pianificare e programmare economicamente lo Stato diventava, quindi, una priorità per il Governo formato dalla nuovo coalizione di centro-sinistra. Occorre sottolineare, però, che questa grande espansione economica fu determinata anche dallo sfruttamento delle opportunità che venivano dalla congiuntura internazionale e dall’incremento vertiginoso del suo commercio. Negli anni cinquanta, il Governo italiano stabilì utili forme di integrazione economica: nel 1948 vi fu la nascita dell’O.E.C.E. (Organizzazione europea per la cooperazione economica) costituita dal 16 paesi destinatari del piano Marshall e nel 1951 vi fu la costituzione della C.E.C.A. (Comunità europea del carbone ed acciaio). Sul piano economico, con la scelta europeista, l’Italia, non più protetta dalle vecchie tariffe doganali, si espose alle regole del libero mercato e, quindi, ad una agguerrita concorrenza straniera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anni '60
boom economico
carlo cristiano
cassa del mezzogiorno
centro-sinistra
commissione nazionale programmazione economica
dibattito bilanci finanziari
giovanni malagodi
imposta cedolare di acconto
istituzione ordinamento regionale
italo viglianesi
la voce repubblicana
nazionalizzazione energia elettrica
nota aggiuntiva
partito repubblicano italiano
pasquale saraceno
politica anti congiunturale
politica economica
programmazione economica
quarto governo fanfani
rapporto saraceno
sindacato
svimez
ugo la malfa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi