Skip to content

Legittimità del provvedimento e responsabilità dell'Amministrazione Pubblica

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Nicola Muratore
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Diritto Amministrativo e Scienza dell'Amministrazione
Anno: 2009
Docente/Relatore: Salvatore Cimini
Istituito da: Università degli Studi di Teramo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

La tematica della responsabilità dell’Amministrazione da atti legittimi si inserisce all’interno di quel processo di trasformazione che sta interessando, da alcuni anni, il diritto amministrativo sia sotto il profilo sostanziale - con recenti innovazioni normative volte per lo più alla semplificazione dell’esercizio della funzione pubblica -, sia sotto il profilo processuale con il riconoscimento della risarcibilità del danno da lesione di interessi legittimi, avvenuto con la “storica” sentenza n. 500/99 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1.1. LA DICOTOMIA TRA LEGITTIMITÀ E LICEITÀ NELLA SFERA PUBBLICA: IL NODO CRUCIALE DEL PROBLEMA “Non si è responsabili perché l’atto è invalido, si è responsabili perché l’atto è illecito1”. In questo modo si esprimeva una della più autorevoli voci della dottrina civilista, intervenendo in un convegno organizzato a Napoli per il “trentennale” dalla nascita dei Tribunali Amministrativi Regionali, durante il quale veniva messa in risalto la dicotomia2 esistente tra la nozione di invalidità da un lato e la nozione di illiceità dall’altro3. 1 N. IRTI, Concetto giuridico di “comportamento” e invalidità dell’atto, in Rivista trimestrale di Diritto Processuale Civile 2005, vol. IV, pag. 1053. Si veda, a tal proposito anche S. CIMINI, La colpa nella responsabilità civile delle amministrazioni pubbliche, Giappichelli, Torino 2008, pag. 179 nota 60. 2 A tal proposito, N. IRTI, ult. op. cit. ribadisce espressamente che tra le categorie della illegittimità e della illiceità non sussista coincidenza alcuna. Dello stesso avviso anche E. GUICCIARDI, La giustizia amministrativa, Padova 1954, pag. 24 il quale dopo aver rilevato la complessità dei rapporti che intercorrono fra illiceità e invalidità degli atti amministrativi, riconosce la “piena indipendenza di questi due modi di essere degli atti amministrativi”, e S. CIMINI, ult. op. cit. pag. 180 secondo il quale “bisogna tener ben ferma la distinzione tra illegittimità dell’atto e illiceità del comportamento, giacché è solo quest’ultimo l’elemento necessario per configurare una condotta antigiuridica”. Di parere contrario F. SATTA, Responsabilità della pubblica amministrazione, in Enciclopedia del Diritto, vol. XXXIX, Giuffrè 1988, pag. 1374 il quale rileva come “la condotta della pubblica amministrazione, cioè l’esercizio della funzione commessale, sia retta da regole proprie, la cui violazione soltanto integra la fattispecie dell’illecito. Sembra qui essenziale rilevare che, comunque, trattandosi di un danno recato con atto amministrativo, lo speciale regime previsto per la tutela giurisdizionale nei confronti di tali atti non può essere trascurato; e che, pertanto, qualunque discorso sul risarcimento del danno (ovvero sull’illiceità della condotta) non può non ritenersi precluso, se l’atto non sia stato giudicato illegittimo”. 3 A. ORSI BATTAGLINI, Alla ricerca dello stato di diritto, Giuffrè, Milano 2005 pag. 171, analizzando le problematiche sottese a due questioni, ritenute “mai sopite” come la distinzione teorica tra legittimità e liceità, da un lato, e l’autonomia dei mezzi di tutela previsti dall’ordinamento, dall’altro lato, ritiene tali argomentazioni “il nodo cruciale del problema”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione
extracontrattuale
legittimità
precontrattuale
provvedimento
pubblica
responsabilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi