Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gioco del corpo. Movimento come espressione ed esperienza di sé

Il movimento ha un altissimo valore sul benessere dell’individuo e, ancora di più, durante l’età di sviluppo, nel periodo in cui il bambino, crescendo, impara a conoscere e gestire se stesso, dall’interno, e l’ambiente esterno. Il bisogno di movimento può manifestarsi nel bambino in modo disfunzionale, attraverso disturbi in cui vi è una forte implicazione del corpo (ADHA o, al contrario, depressione infantili), in cui il corpo è lo specchio di uno stato di disequilibrio della persona e la patologia rappresenta una sorta di adattamento del bambino all’impossibilità di muoversi, oppure, in modo funzionale e costruttivo attraverso i giochi “attivi” e di esplorazione.
Muoversi per il bambino vuol dire poter fare esperienza di sé e, quindi, esplorare sé stesso e l’ambiente, strutturando la propria persona. L’attività ludica e, soprattutto l’attività ludica “motoria”, è un’attività fondamentale in quanto un importantissima esperienza e occasione di crescita.
Alla luce della premessa di cui sopra, è stata svolta una ricerca esplorativa, in cui sono stati messi in relazione i fattori considerati come indicatori dell’ adattamento del bambino (esplorazione dell’ambiente, corporeità e relazione) ed i fattori della valutazione psicomotoria (aggiustamento motorio, percezione dello schema motorio, percezione delle informazioni spazio temporali). La ricerca è stata svolta in Sicilia su un piccolo campione di bambini in età pre-scolastica.
Dalla ricerca è emerso il valore della significativa quota di corporeità che è presente e agisce nella relazione.
Per i bambini di età inferiore ai 6 anni è emerso, infatti, che la gestione consapevole e finalizzata del corpo è fortemente vincolata alla relazione più che alla regola del gioco. Tale dato mette in luce l’importanza della consapevolezza, in chi opera con i bambini, del potente strumento a propria disposizione, rappresentato dall’approccio e dalla modalità relazionale con l’infante, che passa attraverso il corpo.

Mostra/Nascondi contenuto.
TITOLO Introduzione ……………………………………………….….. 1 Presentazione ………………………………………………….. 5 Prima parte Il corpo: Modelli interpretativi, approcci teorici,applicazioni CAP.I IL CORPO. APPROCCI TEORICI I Premessa …………………………………………………..……. 8 1.1 Il corpo secondo la psicoanalisi …….....…………………..….. 12 1.2 Il corpo secondo l’approccio comportamentista …....………… 16 1.3 Il corpo secondo l’approccio cognitivista ...…………............... 17 1.4 La psicologia della gestalt ………………….…………………. 20 1.5 L’ antropologia medica …………………………..………….... 24 CAP.II IL GIOCO DEL CORPO E IL CORPO CHE GIOCA. I FONDAMENTI DELLA PSICOMOTRICITA’ II Introduzione ……………………………………….…...…… 28 2.1 La visione psicoanalitica ……....……………………………... 29 2.2 La valenza costruttiva del gioco ………………….................... 42 2.2.1 Autostima come presupposto per l’esplorazione …….…………………...…………. 48

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Lorenza Barranca Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12936 click dal 14/06/2010.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.