Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La promozione delle tipicità di un territorio tramite un evento sportivo

Definizione di alcuni concetti chiave come la "qualità percepita", "awareness", "behavioural intention", "soddisfazione".
Panoramica sulla situazione italiana in base al rapporto eventi enogatronomici - sport.
Sviluppo di un progetto integrato: "Volley3T - Tipicità, Tradizione e Territorio inseriti nel contesto del Terzo Tempo".

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAP. 1 1.1- Eventi enogastronomici: l'importanza del Festivalscape. Il termine turismo enogastronomico (culinary tourism) viene introdotto pionieristicamente nel 1998 da Lucy Long, docente di cultura popolare alla Bowling Green University in Ohio (USA), per esprimere l'idea che per conoscere approfonditamente culture diverse dalla propria, è necessario vivere un'esperienza di degustazione dei cibi e dei vini di quei territori. Si tratta di un viaggio intrapreso dal turista con l'obiettivo di ricercare e degustare cibi e bevande per poter trascorrere un'esperienza unica e memorabile (Wolf, 2002). In ambito enogastronomico i turisti soddisfano le loro aspettative quando si immergono nella cultura che stanno visitando attraverso piacevoli esperienze con le persone, la cucina, il vino e altre attività culturali. Si tratta quindi di un incontro riflessivo tra la gastronomia e la cultura di un determinato territorio che rappresenta una notevole opportunità di utilizzo alternativo e diversificato del patrimonio rurale (Hall e Sharples, 2003) (Mason, Paggiaro - L'importanza del festivalscape). In quest'ambito dunque l'esperienza fatta di cibo, bevande, tradizione e paesaggio viene inclusa nell'identificazione dell'enogastronomia, insieme ovviamente ai prodotti agroalimentari. Alla luce di queste osservazioni, una definizione appropriata di turismo enogastronomico potrebbe essere la seguente: qualsiasi esperienza turistica in cui si impara a conoscere, apprezzare, e a consumare i prodotti enogastronomici locali (Honggen e Smith, 2008). Il culinary tourism sta sempre più emergendo come una foma particolare di offerta di "viaggio nelle realtà". Introduce infatti i turisti in esperienze che li portano ad avvicinarsi, assaporare, degustare cibi, profumi, sapori di nuove culture, scoprendone anche le opportunità. Attualmente si presenta come una forma di turismo alternativo che riveste crescente importanza nell’ambito del panorama economico italiano. L'espressione turismo enogastronomico evoca una serie di immagini ed associazioni legate al mondo agricolo, all'ambiente, al paesaggio e all'arte che richiamano a due aspetti fondamentali: da una parte il cosiddetto place-specific tourism, generato dall’insieme delle risorse di un luogo, unitamente all'identità e alle tipicità del luogo stesso; dall'altra il cosiddetto special-interest tourism, che riguarda più specificatamente l'offerta, le manifestazioni e gli eventi

Tesi di Master

Autore: Luca Capitanelli Contatta »

Composta da 26 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 848 click dal 24/09/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.