Skip to content

Il consenso dell'imputato nel giudizio abbreviato

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Matarazzi
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Diritto e processo penale
Anno: 2010
Docente/Relatore: Claudia Cesari
Istituito da: Università degli Studi di Macerata
Dipartimento: Istituto di diritto e procedura penale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

La riforma in senso accusatorio del codice di rito ha indotto il legislatore del 1988 ad individuare fattispecie deflattive del dibattimento a fronte di un ricorso, da sempre, massiccio alla minaccia penale. In tale contesto si colloca il rito abbreviato, istituto incentrato sul consenso dell'imputato, che, incentivato dalla promessa di un sensibile sconto sanzionatorio, rinuncia alla dispendiosa garanzia del contradittorio ed agevola, così, il funzionamento della processo penale.
Dopo aver esaminato, in linea generale, le questioni relative al rito speciale ed al suo impatto sulla macchina giudiziaria, mi sono soffermato sulle varie problematiche connesse alla manifestazione di volontà dell'imputato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I – La negoziazione processuale 2 1. L’accertamento penale: garanzia abdicabile o strumento necessario? Il magistero penale è esercitato dall’ordinamento, dapprima, con la cernita delle fattispecie criminose1, e, poi, con l’esecuzione della punizione. Nel mezzo sta l’accertamento giudiziale, l’attività, vale a dire, di ricognizione effettuata da un soggetto terzo, chiamato a verificare l’effettività dell’illecito e, quindi, a legittimare la pretesa punitiva. Di ciò si occupa il diritto penale processuale, che, altro non fosse che per tale carattere strumentale, appartiene al genus del diritto pubblico, poiché disciplina le questioni rilevanti ai fini della persecuzione e del giudizio su un reato, cioè di un episodio di interesse pubblico2. Oggetto (accertamento del reato) e scopo (punizione del reo) valgono a dare, quindi, una connotazione pubblicistica alla disciplina processuale. Cionondimeno, la definizione di processo, quale «actus ad minus trium personarum: actoris intendentis, rei intentionem evitantis, iudicis in medio cognoscentis»3, evidenzia un’ulteriore nota di rilievo. Quello alla base del rapporto processuale penale è un conflitto che pregiudica interessi generali, tal che le pretese attoree devono necessariamente provenire da soggetto a ciò deputato, e non dal quisque de populo ovvero dall’eventuale persona offesa4. 1 Il legislatore – secondo un’efficace immagine del BINDING, riportata da FIANDACA-MUSCO, Diritto penale, parte generale, Bologna, 4ª ed., 2003, p. 31 – «lascia giocare davanti ai suoi piedi le azioni, che dopo raccoglie con mano pigra, per elevarle a fattispecie delittuose a causa della loro intollerabilità». 2 Cfr. GUARNIERI, Diritto processuale penale, in Enc. dir., vol. XII, Milano, 1970, p. 1112. 3 Definizione del glossatore BULGARO, riportata da GUARNIERI, Diritto processuale penale, cit., p. 1111. 4 «La giustizia punitiva dapprima tendeva esclusivamente a dar soddisfazione morale all’offeso, sicché la condizione di inimicizia fra l’autore e la vittima del reato e di quanti erano con l’uno o con l’altra solidali cessava col pagamento di ciò che le parti avevano fra loro concordato; soltanto successivamente, limitato il diritto individuale al risarcimento del danno sofferto, “lo Stato trae a sé per tutti i casi, la potestà del dare la pena nel senso proprio di questa parola, come ufficio che non può appartenere ad altri che alla pubblica autorità”» (L. MAZZA, Oblazione volontaria, in Enc. dir., vol. XXIX, Milano, p. 564, con citazione di CALISSE, Storia del diritto penale italiano dal secolo VI al XIX, Firenze, 1895, p. 2).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abbreviato
consenso
giudizi speciali
imputato
investigazioni difensive
nullità
patteggiamento
riti speciali
rito abbreviato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi