Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Validazione di una metodica HPLC per l’analisi di distamicina A cloridrato

Lo scopo della presente tesi è stato mettere a punto e validare una metodica analitica HPLC per la determinazione quantitativa di distamicina A.
Il lavoro si è svolto nelle seguenti fasi:
- identificazione di un metodo analitico HPLC per la distamicina A;
- preparazione di soluzioni contenenti il farmaco in esame;
- costruzione di una curva di taratura per l’analisi dei campioni di farmaco e sua valutazione statistica;
- determinazione del LOD (Limit of Detection) e del LOQ (Limit of Quantification) del metodo analitico.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Le tecniche cromatografiche, cromatografia su colonna, su carta e su strato sottile si sono diffuse largamente e rapidamente, grazie alla loro semplicità d’uso e al loro costo relativamente limitato. La cromatografia ha dato un importante contributo allo sviluppo di molti settori della chimica, come lo studio delle sostanze organiche naturali, e come aiuto nell’individuazione di prodotti secondari in reazioni di sintesi. La cromatografia ha avuto il suo maggiore sviluppo con la costruzione e la messa a punto di strumenti per la gascromatografia e l’introduzione dell’uso delle colonne capillari. Le tecniche sopra citate hanno permesso la separazione, l’identificazione e la determinazione di composti chimici, anche particolari, in miscele complesse ed il controllo della purezza di composti volatilizzabili. In seguito le potenzialità delle metodiche cromatografiche sono aumentate con l’entrata in uso della cromatografia liquida ad alta pressione (HPLC), ramificatesi in una serie di metodologie quali quella a fase inversa, a scambio ionico, ecc.. L’associazione di tali apparecchiature con rivelatori di diversa natura quali, ad esempio, gli spettrometri di massa ha reso possibile l’individuazione della maggior parte dei costituenti di miscele molto complesse, la definizione delle linee principali della struttura molecolare di composti ignoti e la diminuzione dei limiti di relevabilità di tali composti. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Farmacia

Autore: Sara Giusti Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4321 click dal 06/07/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.