Skip to content

Cesena. Un museo come porta della città

Informazioni tesi

  Autore: Marta Baldi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Francesco Saverio Fera
Coautore: Lara Bolognesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Per quanto riguarda il museo archeologico si è fatto riferimento all’ultimo progetto allestitivo di Giuseppe Caruso e Agata Torricella per l’Altes Museum di Belino. Qui Schinkel aveva suddiviso l’ambiente con una serie di pilastri non portanti ma con una funzione esclusivamente di distribuzione dello spazio espositivo, così da individuare degli ambienti. Il proseguimento della galleria del progetto del museo a Cesena si può intendere come una Hauptstrasse, cioè quella “strada principale” su cui si affacciano i pezzi più importanti della collezione, soluzione elegante al problema realistico di consentire al visitatore frettoloso di farsi un’idea del museo nel giro di un’ora. Negli scomparti che si vengono a creare i reperti sono distribuiti secondo un criterio di massima che privilegia lo sviluppo cronologico e l’interazione tra scultura ed opere minori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. IL TERRITORIO E LA CITTA DI CESENA 1.1 Cenni di storia locale del territorio: la centuratio, la valle del Savio, la via Emilia Ogni discorso sul territorio, specialmente nell area padana, non pu non far riferimento alla strutturazione raggiunta in epoca romana: Ł questa a condizionare ancora pesantemente, e spesso utilmente, il territorio compreso tra i fiumi Marecchia e Ronco, che noi definiamo locale perchØ di immediato riferimento con il centro urbano di Cesena. In quest area la centuriatio romana ha segnato un impronta che senz altro resta la piø estesa e duratura. Gli elementi centuriati tuttora presenti nel territorio partono del 268 a.C., anno in cui si verifica la prima fondazione di una colonia di diritto latino a Rimini: l area di pianura compresa tra il fiume Marecchia ed il Rubicone incomincia subito ad essere bonificata con un sistema reticolare di quadre orientate alla maniera classica, cioŁ a nord. Il limite amministrativo verso nord-ovest, Ł costituito dal Rubicone, di qui l importanza dell esatta determinazione del percorso di questo fiume. La centuriazione riminese, dopo il limite del Rubicone, prosegue quella cesenate con un orientamento, seppur di poco, divergente rispetto a quello classico. In particolare, la mancanza di continuit si pu cogliere in prossimit di Bulgaria e, piø avanti, a Bulgarn fino a due decumani piø a nord, ove Ł possibile rilevare l innesto tra le due centuriazioni: qui i decumani cesenati si innestano nei cardines riminesi. Altra data importante Ł il 266 a.C. In quell anno la definitiva sottomissione dei Sartianti porta al controllo della parte appenninica della vallata del Savio. A questo momento si deve far risalire la penetrazione romana verso valle attraverso il bacino del Savio, che fa acquisire particolare importanza dal punto di vista strategico all insediamento di promontorio gi esistente sul colle Garampo; questa estrema propaggine collinare si affaccia sulla pianura in modo tale da favorire un controllo della stessa, della pedemontana e della valle del Savio. Si pu ritenere consolidata, inoltre, una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aldo rossi
altes museum
alvar aalto
archeologico
architettura
auguste perret
boullée
cesena
dom hans van der laan
frank lloyd wright
hans kollhoff
herzog de meuron
le corbusier
luis kahn
mies van der rohe
museo
museografia
norman foster
pinacoteca
progetto
renzo piano
schinkel
tate gallery
vittorio gregotti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi