Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione Pubblica: esperienze di organizzazione e formazione

La comunicazione è un fattore di principale importanza, per il funzionamento dell’organizzazione che l’adotta, perché implica che l’azione è orientata alla “custmer satisfaction” (soddisfazione del cliente) e nel caso delle amministrazioni pubbliche favorisce la “cittadinanza attiva”.
Le normative e l’influenza dell’Unione Europea, hanno spinto la pubblica amministrazione verso la comunicazione, comunicare non con il modello che gli è sempre appartenuto, unidirezionale e gerarchico, ma verso un modello di comunicazione rispondente ai bisogni dell’utenza.
La stimolo all’apertura, al dialogo, alla partecipazione deve essere una premessa per operare nelle amministrazioni in conformità a nuovi valori, che si concretizzano in una nuova disponibilità e nella qualità del servizio erogato.
Lo “Stato del benessere” è caratterizzato dal concetto di inclusione, dall’inglobare l’intera popolazione nelle prestazioni, per assicurare uno standard minimo di benessere sociale e di sicurezza per tutti. Questa uguaglianza formale garantita dallo Stato, porta ad un aumento continuo di bisogni e conseguente aumento dei costi da sostenere.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La comunicazione è un fattore di principale importanza, per il funzionamento dell’organizzazione che l’adotta, perché implica che l’azione è orientata alla “custmer satisfaction” (soddisfazione del cliente) e nel caso delle amministrazioni pubbliche favorisce la “cittadinanza attiva”, contribuendo con la partecipazione alla crescita civile. Le normative hanno spinto la pubblica amministrazione (P.A) verso la comunicazione, comunicare non con il modello che gli è sempre appartenuto, unidirezionale e gerarchico, ma verso un modello di comunicazione rispondente ai bisogni dell’utenza. La mancanza di cultura della trasparenza e della condivisione rende difficile attuare ciò che le norme prevedono. Atteggiamenti di chiusura, di scarsa trasparenza, finalizzati ad una garanzia di potere di chi detiene le informazioni, sono oggi inopportuni e diventano un impedimento all’agire in sintonia con i principi d’efficienza, efficacia, economicità e soprattutto alla trasparenza amministrativa. La stimolo all’apertura, al dialogo, alla partecipazione deve essere una premessa per operare nelle amministrazioni in conformità ai nuovi valori, che si concretizzano in una nuova disponibilità e nella qualità del servizio erogato. Il presente studio presenta una struttura tripartita. Nella prima parte è esaminata la comunicazione istituzionale

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Vania Camilluzzi Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1484 click dal 01/07/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.