Skip to content

Valutazione di un'opzione call europea scritta su processi a salti

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Enrico Paolo Aringhieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Fisica
  Relatore: Enrico Scalas
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Nel 1973 Fischer Black e Myron Scholes pubblicarono un modello di valutazione analitica per un’opzione call europea scritta su di un titolo azionario la cui dinamica sia un moto browniano geometrico in un mercato completo dove manchi qualunque opportunità di arbitraggio. Ma il modello di Black & Scholes-Merton, a confronto con i dati reali raccolti negli anni, ha mostrato uno scarso potere descrittivo a causa della sua intrinseca incapacità di rappresentare le variazioni istantanee e finite che si osservano nelle serie storiche dei prezzi di un titolo rischiosoe che sembrano distribuite in modo casuale nonché indipendenti dal settore di appartenenza del titolo e dalla sua dinamica immediatamente precedente e successiva al salto. Queste osservazioni indussero, intorno alla metà degli anni 1970, Robert C. Merton ad un tentativo di estensione del modello di Black & Scholes aggiungendo, nell’equazione differenziale stocastica di diffusione del prezzo dell’azione, il prodotto , che rendesse conto dei suddetti salti, di una variabile aleatoria Y costante nel tempo con il differenziale di un processo di Poisson indipendente dal processo di Wiener, che conta i salti dell’azione tra gli istanti 0 e t; Y è indipendente dai processi di Wiener e di Poisson. La classe di processi stocastici che, mentre diffondono, presentano variazioni finite istantanee casualmente distribuite nel tempo ha orientato l’attenzione degli studiosi verso le generalizzazioni ai processi discontinui del calcolo stocastico originariamente concepito da Itō per le martingale.
Ma anche tali processi si sono rivelati poco congruenti con l’evoluzione reale dei prezzi delle opzioni. Comunque è ormai chiaro, per l’evidenza delle discontinuità a salto nelle serie storiche azionarie e per l’inadeguatezza descrittiva delle martingale continue, che un buon modello di valutazione delle opzioni deve avvalersi dei processi stocastici non continui, tra cui suscitano particolare interesse le semimartingale non continue. Esse infatti sono una classe di processi più ampia di quella delle martingale e rispetto ai quali è possibile definire l’operazione di integrazione in maniera che l’integrale stocastico sia esso pure una semimartingala. Inoltre i processi di conteggio, che hanno il compito di enumerare i salti del sottostante, sono tutti semimartingale. La struttura fine discreta delle serie storiche dei titoli rischiosi ha addirittura suggerito ad alcuni studiosi l’idea di elaborare dei modelli economici che utilizzino la più semplice classe di processi discontinui, quelli quasi certamente costanti a tratti, continui a destra e limitati a sinistra per i quali sono assai più semplici le formule del calcolo stocastico e la definizione dell’integrale stocastico (almeno in caso di sincronia tra integrando e integratore). A questo approccio si ispira l’ultimo capitolo del mio lavoro.
Nella Sezione 1, composta dai Capitoli 1,2 e 3, si presentano gli elementi dell’analisi matematica dei processi stocastici discontinui, con particolare attenzione per le semimartingale non continue, necessari per comprendere il resto del lavoro.
Il Capitolo 1 introduce i concetti di variazione totale, covariazione quadratica e di semimartingala per processi stocastici le cui traiettorie presentino discontinuità a tratti. In particolare della semimartingala è data non solo la definizione classica quale somma di una martingala locale con un processo a variazione totale localmente limitata, ma anche la condizione di caratterizzazione di Protter e Bichteler-Dellacherie (data nel riassunto del Capitolo 2). Il Capitolo 2 illustra due percorsi equivalenti (quello classico analitico e quello topologico) di definizione dell’integrale stocastico rispetto ad una semimartingala, dimostra la formula di integrazione per parti del calcolo stocastico ed enuncia, senza dimostrarlo, il lemma di Itō per le semimartingale non continue, strumento fondamentale per integrare un’equazione differenziale stocastica. Poiché, per questo lemma, il funzionale deterministico di una semimartingala è ancora una semimartingala sincrona, un’equazione differenziale nella semimartingala incognita X può essere risolta applicando proprio il lemma di Itō ad un’opportuna funzione ausiliaria della stessa X e integrando df ( X ). Una più ampia classe di processi rispetto ai quali è possibile costruire una razionale teoria dell’integrazione sono appunto le semimartingale. Nel corso degli anni sono stati concepiti diversi approcci al problema, variamente complicati: qui presentiamo quello topologico.
Si articola in considerazioni di natura topologica, assume che il processo da integrare sia prevedibile e si riferisce al concetto di semimartingala come definito, in modo non classico, dalla condizione necessaria e sufficiente di caratterizzazione che include la definizione di insieme di variabili casuali limitato in probabilità e si appoggia sui concetti di mappa continua e convergenza uniforme in probabilità sui compatti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bichteler
dellacherie
deriva
diffusione
integrale stocastico
jump diffusion
mellin
merton
salti
semimartingala
volatilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi