Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La vendita dei beni di consumo

Il cod.civ. del 1942 nel suo impianto originario, si caratterizza per una sostanziale indifferenza nei confronti dello status soggettivo dei contraenti: alla base di tale impostazione vi era il convincimento, che dominava incontrastato fino a qualche tempo fa, secondo il quale intervenire in modo incisivo sul contenuto contrattuale avrebbe comportato la lesione delle libertà di iniziativa economica, garantita dalla Costituzione, per cui l’unica forma di intervento considerata possibile era quella volta a disciplinare la concorrenza fra imprenditori. Con la Direttiva 44/99/CE si è prospettata per il nostro legislatore, in occasione del recepimento della normativa comunitaria, l’opportunità di rivedere la disciplina codicistica in materia di vendita di cui agli artt. 1470 e ss., della quale non solo la dottrina, ma la stessa giurisprudenza, rilevavano l’inadeguatezza per l’eccessiva compressione dei diritti dei consumatorI.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I LA NUOVA DISCIPLINA COMUNITARIA IN MATERIA DI VENDITA DEI BENI DI CONSUMO 1. Gli interventi legislativi comunitari in materia di tutela del consumatore Lo sviluppo dell’Unione europea con tutte le sue implicazioni e, in particolare, di uno spazio economico che risulti effettivamente unico, ha comportato come condizione ineludibile da un lato, che il cittadino europeo possa utilizzare lo strumento negoziale nei vari Stati membri sulla base di una normativa di riferimento uniforme e dall’altro, la creazione di nuovi modelli di scambio, unitamente ad una contestuale richiesta di regolamentazione di spazi prima non disciplinati dal diritto. In un tale contesto, gli organi legislativi comunitari hanno assunto un ruolo preminente nella produzione

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimo Savatteri Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1551 click dal 05/07/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.