Skip to content

Antropologia del falò come evento spettacolare

Informazioni tesi

  Autore: Elena Giorgi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Giovanni Azzaroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

L'analisi che qui si espone è il risultato di una ricerca condotta su campo. L'indagine si è compiuta a Santicolo, frazione di Corteno (BS). Santicolo è sito in Valle Camonica e ciò inserisce la comunità di villaggio nella tradizione culturale della civiltà camuna. Le incisioni rupestri disseminate in tutta la valle testimoniano il perdurare millenario della tradizione culturale camuna che fonda la propria ritualità sull'adorazione del sole, la simbiosi con l'ambiente naturale e la coesione e solidarietà sociale. La sagra di S. Rocco si svolge annualmente il 16 Agosto, il falò prodotto in tale occasione esprime il perdurare della tradizione rituale camuna. La sagra di S. Rocco non celebra il patrono del villaggio, bensì i co-patroni Rocco, Giusto e Pio, eppure coincide con l'evento più partecipato dalla comunità. Fino alla metà del secolo scorso la festa coincideva esclusivamente con l'ardere della catasta. Il falò, non ha mai avuto alcuna connessione con la ritualità cattolica. Ad oggi, dopo un periodo di sovrapposizione,
il falò è stato soppiantato dai giochi pirotecnici. Lo studio di questa pratica ha permesso di comprendere più approfonditamente il significato d'uso del termine falò e di evidenziarne nello specifico la valenza spettacolare. Il falò è un evento eminentemente collettivo; è un atto che richiede capacità di improvvisazione; è la variazione occasionale sul tema costante del fuoco; è l'occasione in cui la comunità culturale si autocelebra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. Muore il falò, prosegue la tradizione. Il falò è fuoco. Le principali difficoltà derivate dallo studio del fuoco, sono riconducibili alla natura intrinseca dell'oggetto di indagine: Il filologo francese Jean Bottéro, che ha raccolto tutti i riferimenti al fuoco inseriti negli antichi testi mesopotamici, ritiene che siano necessarie tre condizioni per poter dire di essere in possesso di una testimonianza scritta su qualunque aspetto della vita del mondo antico. In primo luogo essa deve essere registrata; la registrazione deve essere poi sopravvissuta; e infine deve essere stata ritrovata. Riguardo al fuoco, perfino la prima di queste condizioni era in larga misura assente: nelle città da cui provengono le registrazioni, l'uso del fuoco doveva essere così comune e privo di problemi da presentare raramente un motivo valido per farvi riferimento nella scrittura. (Goudsblom 1996: 45) Il pensiero contemporaneo è portato a considerare il falò come la somma simbolica di tutti i fuochi domestici della comunità; come se le fiamme accese presso la dimora di ogni famiglia si ricomponessero in un unico spazio: Il focolare pubblico comune e l'ideologia ad esso relativa sono certamente connessi se non derivati dai focolari domestici. A questo proposito si tenga conto delle relazioni che si possono rilevare tra fuoco della città e focolare regale miceneo: «la disposizione di certi templi arcaici – nei quali eccezionalmente si è instaurato e mantenuto un Focolare della polis – riproduce quella mégaron, residenza regale, sede di una religione legata alla figura del capo, di una religione nella quale l'Hestia rappresenta un elemento fondamentale». Quali che siano i precedenti del sacro fuoco cittadino «ciò che vi si esprime immediatamente, per il fatto stesso che vi è un Focolare della polis come ne esiste uno per ogni famiglia, è la solidarietà concreta che fa del bene di tutti, il bene di ognuno, è il carattere costitutivo della polis che si rivela a sprazzi, ma in pieno, nella teoria, ne fatti, nei comportamenti persino». (Buttita 2002: 74) Il sacro fuoco della casa che si dilata nel fuoco inestinguibile della comunità (da qui tra l'altro la necessità della sua custodia da parte di appositi ordini 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
aprica
brescia
camuni
celebrazione
cibo
corteno
crudo e cotto
edolo
evento spettacolare
falò
festa
fiabe
fuoco
leggende
neolitico
preistoria
rituale
sagra
santicolo
spettacolo
streghe
tradizionale
valle camonica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi