Skip to content

Inflation targeting e politica dei redditi in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Marilù Iorio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Francesco Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

Questa tesi svolge una rassegna critica della letteratura sull’inflation targeting e la politica dei redditi in Italia. Dopo le due crisi petrolifere, si è aperto un acceso dibattito tra monetaristi e neokeynesiani sulle possibili soluzioni alla stagflazione: ridurre l’alta inflazione attraverso una politica monetaria restrittiva avrebbe avuto un costo troppo alto in termini di disoccupazione e – oltretutto – poteva risultare inefficace in paesi, come l’Italia, in cui l’annuncio di una riduzione dell’offerta di moneta da parte della banca centrale non era giudicato credibile dagli operatori del mercato. Tarantelli aveva una “proposta politica” alternativa per l’Italia, su cui gravava il peso inflativo del meccanismo automatico di indicizzazione salariale – la “scala mobile”: l’istituzione di un’arena fuori dal mercato in cui Governo, sindacati e associazioni datoriali si accordassero – attraverso un patto neocorporativo – sugli obiettivi comuni attraverso uno “scambio politico” credibile e sostenibile per tutte la parti; una politica salariale d’anticipo, con fissazione degli incrementi salariali in base all’inflazione programmata, in modo da raccordare la politica dei redditi con la politica monetaria e condizionare le aspettative degli agenti economici; la suddivisione dei costi dell’inflazione tra i contraenti del patto sociale, attraverso un’attenta redistribuzione del reddito. Con questo lavoro si cerca di capire quanto della originale proposta di Tarantelli sia stato portato a compimento attraverso il “Protocollo di luglio” del 1993. Quello che in ultimo si vuole spiegare è perché, nonostante la moderazione salariale, la disinflazione e lo scemare della conflittualità nel sistema di relazioni industriali ottenuti attraverso gli accordi di politica dei redditi, l’Italia non abbia imboccato la sperata via della crescita economica, la vera promessa mancata della politica dei redditi. Questo è dipeso, nell’ottica che qui rileva, dalla mancata realizzazione di alcuni pilastri dell’accordo del 1993 – la scarsa diffusione della contrattazione di secondo livello e la “scoordinata” ristrutturazione del mercato del lavoro – e dal mancato raccordo tra politica dei redditi e regolamentazione del mercato del prodotto, che hanno portato alla paradossale situazione di imprese poco produttive e competitive e lavoratori che non arrivano alla fine del mese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Prefazione Scrivere una tesi di laurea in economia politica non è, per lo studente in giurisprudenza, impresa di facile realizzazione. Quando poi l‟argomento che deve essere trattato è abbastanza ampio, come in questo caso, e presuppone quindi la capacità dello studente di saper leggere un fenomeno prettamente economico per le implicazioni storiche, politiche, istituzionali e macroeconomiche che esso ha comportato, la stesura della tesi può farsi ancora più impervia. Una rassegna compiuta sull‟inflation targeting e la politica dei redditi in Italia, che è l‟intento primario di questo lavoro, è il frutto di un lungo sforzo di comprensione testuale, approfondimento, raffronti tra più autori su una tematica complessa che, spesso, è stata oggetto di scontro politico, istituzionale ed anche sociale. Di tutto ciò non si può non tener conto nella costruzione di un testo sufficientemente chiaro negli intenti e nelle proposizioni, che riesca ad un tempo a palesare ai lettori le linee programmatiche e gli oggetti specifici di indagine, senza, tuttavia, tralasciare quelle questioni non propriamente economiche, ma che pure necessitano di essere comprese per una migliore ricostruzione della tematica affrontata. Quello che, prima di tutto, mi sono proposta di fare con il mio lavoro è poter offrire nuovi spunti di riflessione su temi che, pur apparendo prima facie lontani dalla quotidianità, risultano, ad una lettura più approfondita, ben all‟ordine del giorno per le famiglie italiane. Se, infatti, non tutti sono interessati a come si programma l‟inflazione e a perché sia giusto farlo, certamente tutti si interrogano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contrattazione collettiva
inflation targeting
inflazione
moderazione salariale
neocorporativismo
neokeynesiani
patto sociale
politica dei redditi
protocollo di luglio
salario
scala mobile
sindacati
social pacts
stagflazione
tarantelli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi