Skip to content

Il suono nel cinema

Informazioni tesi

  Autore: Maria Halip
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Discipline delle Arti Musica e Spetrtacolo
  Relatore: Franco  Prono
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

L’argomento della Tesi volge ad indagare le potenzialità del suono nel cinema e le sue grandi proprietà comunicative ed espressive sviluppatesi tramite tecniche sempre più raffinate di registrazione e riproduzione. Il metodo utilizzato per la trattazione del soggetto di questa Tesi si basa sulla ricostruzione storiografica delle tecniche di incisione e di diffusione del suono cinematografico, da prima di Edison sino alle più recenti tecnologie digitali. La dissertazione si divide in tre capitoli tra le origini del suono e la sua integrazione con il cinema, gli sviluppi moderni legati alla stereofonia, fino alla rivoluzione digitale che ci accompagna fino ai giorni nostri.
Nel primo capitolo sono affrontati gli esperimenti iniziali di registrazione e riproduzione sonora applicati al cinema, partendo dalla preistoria della registrazione sonora con il fonoautografo di Leon Scott De Martin Ville per passare ad Edison e proseguendo con altri esperimenti di fondamentale rilievo per la sincronizzazione tra film e la registrazione sonora. Scoperte come la prima registrazione magnetica, o come il brevetto italiano del fotofonografo, oppure il cronophone, sono elementi significativi per capire i primi passi mossi nell’evoluzione del cinema sonoro tramite le tecnologie applicate. In una moltitudine di esperimenti che si avvicendarono sino dalla nascita del cinema stesso, diventa difficile fissare un momento preciso o una personalità di riferimento a cui attribuire la nascita del cinema sonoro. Ufficialmente il 1927 fu il momento consacrato dal primo film sonoro Il cantante di Jazz. Dopo l'uscita del film, molti furono gli attori, registi, critici e addetti ai lavori che si sono schierati contro. Anche il grande Charlie Chaplin sostenne appassionatamente che «L'essenza del cinematografo è il silenzio», ma il sonoro era appena stato inventato e successivamente fu egli stesso a realizzare vari film sonori addirittura scrivendone le musiche. Anche il critico tedesco Rudolph Arnheim, sosteneva che il sonoro era «la fine del cinema come arte». D'altro canto, i cineasti a favore, accolsero l’avvento del sonoro come una scienza del futuro.
Nel 1928, con il Manifesto dell'asicronismo, gli autori Ejzenštein, Pudkovin e Alexandrov sostenevano la validità del sonoro e si preoccupavano di individuare nuove è più perfette forme di montaggio, a sostegno della drammaturgia filmica. Con il 1930 il suono si standardizzò in un unica traccia monofonica riportata sul bordo esterno della pellicola 35 mm., tra il fotogramma e le perforazioni.
Nel secondo capitolo si affronta il suono nel cinema moderno avvalendosi di una descrizione più particolareggiata ed espressiva dei sistemi di produzione e riproduzione sonora. È sull'onda del secondo conflitto mondiale, a cavallo della metà del XX secolo, che il sonoro nel cinema si evolve con la consapevolezza di uno strumento d’integrazione più verosimile e maggiormente sensazionale. Particolare attenzione è dedicata infatti a quest'epoca caratterizzata dalla rivoluzione del supporto magnetico, dall'alta fedeltà ed, infine, dalla stereofonia che, a partire dagli Anni Cinquanta, segnò una vera e propria esplosione del sonoro nel cinema. Il suono registrato con un doppio canale e appositamente diramato in sala consentiva di dare un effetto di profondità sonora finora senza eguali.
Nell'ultimo capitolo si affronta il suono nel cinema contemporaneo e vengono descritte le diverse classificazioni dei suoni ad opera di alcuni dei maggiori critici e teorici del suono come ad esempio Michel Chion. Nell'ultimo ventennio l'evoluzione del suono è attraversata da una vera e propria metamorfosi, il grande salto dai supporti analogici ai supporti digitali, che offrono una serie di vantaggi qualitativi ed estetici grazie a questa nuova tecnologia. Basti pensare alla figura professionale del sound designer , incaricato di dare senso, realtà e concretezza sonora al film.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2Introduzione L'evoluzione delle tecniche e delle tecnologie legate al suono hanno enormemente condizionato la storia del Cinema. La colonna sonora, utile complemento dell'arte cinematografica, ha subito le innovazioni tecniche, culturali e scientifiche che hanno segnato la storia del XX secolo. L’argomento di questa Tesi volge ad indagare le potenzialità del suono nel cinema e le sue grandi proprietà comunicative ed espressive sviluppatesi tramite tecniche sempre più raffinate di registrazione e riproduzione. Il metodo utilizzato per la trattazione del soggetto di questa Tesi si basa sulla ricostruzione storiografica delle tecniche di incisione e di diffusione del suono cinematografico, da prima di Edison sino alle più recenti tecnologie digitali. La dissertazione si divide in tre capitoli tra le origini del suono e la sua integrazione con il cinema, gli sviluppi moderni legati alla stereofonia, fino alla rivoluzione digitale che ci accompagna fino ai giorni nostri. Nel primo capitolo sono affrontati gli esperimenti iniziali di registrazione e riproduzione sonora applicati al cinema, partendo dalla preistoria della registrazione sonora con il fonoautografo di Leon Scott De Martin Ville per passare ad Edison e proseguendo con altri esperimenti di fondamentale rilievo per la sincronizzazione tra film e la registrazione sonora. Scoperte come la prima registrazione magnetica, o come il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alta fedeltà
cinema muto
colonna sonora
dolby stereo
dolby system
effetto stereofonico
fotofonografo
l'avvento del suono nel cinema
michel chion
riproduzione audiovisiva
sonorizzazione
sonoro nel cinema
storia suono
suono
suono analogico
suono classico
suono contemporaneo
suono digitale
suono moderno
suono nel cinema
supporto magnetico
tecnologia digitale
tessuto visivo
traccia monofonica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi