Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'invenzione di Morel, dal racconto di Bioy Casares al film di Emidio Greco

La tesi tratta del rapporto tra libro e film, più in particolare del rapporto tra il racconto di Adolfo Bioy Casares e il film che Emidio Greco ha tratto dal suo racconto La invencion de Morel.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I. TRA LETTERATURA E CINEMA 1. Introduzione Il cinema è nato nel 1895 per opera dei fratelli Lumière che, grazie alla loro invenzione, hanno dato il via ad una nuova era. L'arte cinematografica può essere considerata come un naturale processo evolutivo che vede coinvolte altre arti: la letteratura, il teatro, la musica e la fotografia. Da molto tempo si erano intuite le potenzialità di quest'ultima, soprattutto pensando alla possibilità del movimento. Ben presto apparve chiaro che la presenza del movimento, e quindi di una durata temporale, richiedeva lo sviluppo di una narrazione; in seguito con l'aumentare della durata dei filmati, si scoprì la potenzialità del cinema come arte: il cinema poteva, e doveva, attraverso le immagini, produrre delle storie. Il successo del cinema fu strepitoso, tanto che l'industria cinematografica divenne una straordinaria fonte di ricchezza, grazie alla costante produzione di film; questo significò che non solo servivano delle storie da raccontare, ma anche che queste dovevano successivamente essere messe in scena. In questa prima fase il cinema attinse a piene mani dalla letteratura. Pochi scrittori italiani del primo Novecento si sono sottratti al fascino della ‘decima musa’: Verga, D’Annunzio, Gozzano, Pirandello e molti altri hanno collaborato, più o meno intensamente, alla realizzazione di sceneggiature per il cinema muto, taluni con entusiasmo, altri con un senso di vergogna, quasi tutti soltanto per ottenere facili guadagni. Ben presto, però, giunsero al cinema le prime critiche dal mondo intellettuale poiché le opere letterarie trasposte per il cinema sacrificavano spesso lunghissime parti del testo originale e ne riducevano banalmente l'intreccio in modo da andare incontro ai gusti del pubblico. Con il passare degli anni il cinema è riuscito ad allontanarsi, almeno in parte, dalla letteratura, anche se le loro strade continuano ad intrecciarsi; oggi, infatti, sono moltissime le opere letterarie che sono diventate film, ed altrettanti i film che sono poi diventati testi letterari, magari di non eccelsa qualità. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Danilo Carnemolla Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 749 click dal 14/07/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.