Skip to content

Architettura tradizionale a Pechino: analisi di alcuni templi della capitale cinese

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Smerilli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Studi Orientali
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Filippo Salviati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

L’architettura, dallo stile peculiare, costituisce un importante contenuto della splendida civiltà della nazione cinese. L’architettura cinese, quella occidentale e quella islamica costituiscono i tre maggiori sistemi architettonici del mondo. L’architettura ha svolto un importante ruolo in tutti i periodi dell’evolversi di questa civiltà e le forme degli edifici e i sistemi strutturali sviluppatisi hanno avuto un maggior impatto sull’architettura in tutte le città del sud e del sud-est asiatico.
La tradizionale architettura cinese inizia nel cuore della regione Gialla della Cina , dove c’erano alcune piccole costruzioni in pietra, ma anche un abbondante presenza di legame, come anche altrove nella nazione. Il legno era facile da trasportare, lavorare e incidere. Protetto da periodiche rivestiture, come laccature, il legno è un materiale durevole nel tempo. Il fuoco è il suo più grande rischio. Gli elementi fondamentali dell’architettura cinese sono semplici. Una piattaforma regolare di terra conficcata nel terreno, levigata con pietre o mattoni, era costruita originariamente per rialzare il terreno della suddetta costruzione dall’umidità del terreno.
Per supportare il peso e le tegole in ceramica sospese sul tetto, che davano alla costruzione stabilità, un complesso sistema di mensole in legno fu concepito, per mezzo del quale pilastro e trave si incontravano per incrementare la superficie di contatto e diminuire l’apertura. Il “dougong”, o set di mensole, fu la più straordinaria caratteristica dell’architettura cinese, come anche una caratteristica strutturale e decorativa, che diviene visibile sia dall’interno che dall’esterno dell’edificio. All’inizio il sistema di mensole consisteva di semplici mensole poste ad“U”, che si mantenevano in cima alle colonne; in seguito piccoli blocchi vennero messi alla fine, dove le colonne si incontrano con le travi. Molte più colonne e costruzioni potevano essere aggiunte per incrementare la lunghezza della trave di supporto. Il sistema di mensole permette una grande libertà nel design del tetto, così che le tradizionali costruzioni cinesi presentano una libera azione nella costruzione del suddetto. Infatti tutte le più grandi e maestose costruzioni hanno un’ampia curva sul tetto. Un altro ingegnoso elemento nella struttura era l’”ang” o trave inclinata. Le mura esterne e le mura di divisione interne degli edifici Cinesi non hanno una funzione strutturale, ma sono unicamente di difesa. La pianta della pavimentazione interna era anche molto flessibile,e le costruzioni potevano essere estese con l’aggiunta di unità sulla lunghezza, come anche poteva essere incrementata la profondità.
Il colore è anche un’altra importante caratteristica dell’architettura cinese. Le costruzioni più importanti avevano una piattaforma bianca, mura e colonne rosse, mensole e travi blu e verdi e le tegole dei tetti gialle o verdi, con svariati elementi decorativi.
Le costruzioni in Cina sono considerate come parte integrante del loro contorno e sono pianificate su un asse da sud a nord, infatti le costruzioni più importanti volgono a sud. Le costruzioni principali di un complesso sono poste l’una accanto all’altra tutte su questo asse, separate solo da cortili che vengono fiancheggiati da altre costruzioni di minore importanza da est a ovest. La “Città Proibita” a Pechino e altri complessi di costruzioni, come anche le costruzioni domestiche, sono tutte designate lungo queste assi.
Fin dai primi tempi l’edificazione delle costruzioni è stata soggetto di regole ufficiali. Viene registrata la presenza di alcune documentazioni prima del periodo durante la dinastia Song(960-1279) , quando l’”Yingzao fashi”, il“Trattato sui Metodi dell’Architettura”fu scritto da Li Jie, un ufficiale; questo fu presentato all’ imperatore nel 1100 e pubblicato nel 1103. Questo compendio della tradizionale architettura cinese e dei metodi di costruzione possiede svariati capitoli dedicati all’uso dei termini tecnici, e all’esposizione delle regole riguardanti i metodi di costruzione, la struttura decorativa, e le relative misure e proporzioni dei vari elementi dell’architettura. Inoltre questo propone le misure e i costi dei differenti elementi, appropriati ai differenti gradi della costruzione. Il manuale infatti prescriveva un sistema standard per le parti in legno della costruzione, consentendo efficientemente agli ufficiali di sorvegliare, organizzare e stabilire il prezzo dei progetti delle costruzioni.
Solo alcune antiche costruzioni cinesi sono sopravvissute a causa della natura dei materiali, il legno, con il quale la maggior parte degli edifici sono stati costruiti, e della prevedibile conseguenza che gli incendi e i terremoti con il passare del tempo avrebbero esercitato su questo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L' Architettura cinese nell'evolversi del tempo L'architettura, dallo stile peculiare, costituisce un importante contenuto della splendida civiltà della nazione cinese. L'architettura cinese, quella occidentale e quella islamica costituiscono i tre maggiori sistemi architettonici del mondo. L'architettura ha svolto un importante ruolo in tutti i periodi dell'evolversi di questa civiltà e le forme degli edifici e i sistemi strutturali sviluppatisi hanno avuto un maggior impatto sull'architettura in tutte le città del sud e del sud-est asiatico. La tradizionale architettura cinese inizia nel cuore della regione Gialla della Cina, dove c'erano alcune piccole costruzioni in pietra, ma anche un abbondante presenza di legname, come anche altrove nella nazione. Il legno era facile da trasportare, lavorare e incidere. Protetto da periodiche rivestiture, come laccature, il legno è un materiale durevole nel tempo. Il fuoco è il suo più grande rischio. Gli elementi fondamentali dell'architettura cinese sono semplici: una piattaforma regolare di terra conficcata nel terreno, levigata con pietre o mattoni era costruita originariamente per rialzare il terreno della suddetta costruzione dall'umidità del terreno. Per supportare il peso e le tegole in ceramica sospese sul tetto, che davano alla costruzione stabilità, un complesso sistema di mensole in legno fu concepito, per mezzo del quale pilastro e trave si incontravano per incrementare la superficie di contatto e diminuire l'apertura. Il "dougong", o set di mensole, fu la più straordinaria caratteristica dell'architettura cinese, come anche una caratteristica strutturale e decorativa, che diviene visibile sia dall'interno che dall'esterno dell'edificio. All'inizio il sistema di mensole consisteva di semplici mensole poste ad "U", che si mantenevano in cima alle colonne; in seguito piccoli blocchi vennero messi alla fine, dove le colonne si incontrano con le travi. Molte più colonne e costruzioni potevano essere aggiunte per incrementare la lunghezza della trave di supporto. Il sistema di mensole permette una grande libertà nel design del tetto, così che le tradizionali costruzioni cinesi presentano una libera azione nella costruzione del suddetto. Infatti tutte le più grandi e maestose costruzioni hanno un'ampia curva sul tetto. Un altro ingegnoso elemento nella struttura era l' "ang" o trave inclinata. Le mura esterne e le mura di divisione interne degli edifici Cinesi non hanno una funzione strutturale, ma sono unicamente di difesa. La pianta della pavimentazione interna era anche molto flessibile, e le costruzioni potevano essere estese con l'aggiunta di unità sulla lunghezza, come anche poteva essere incrementata la profondità. Il colore è anche un'altra importante caratteristica dell'architettura cinese. Le costruzioni più importanti avevano una piattaforma bianca, mura e colonne rosse, mensole e travi blu e verdi e le tegole dei tetti gialle o verdi, con svariati elementi decorativi. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

architettura
pechino
templi cinesi
templi di pechino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi