Skip to content

Valutare la Pubblica Amministrazione. Indagine di customer satisfaction nel Municipio VIII del Comune di Roma

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Urbinati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Enrica Aureli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

C’è stato un tempo in cui le informazioni che il comune doveva fornire ai cittadini erano gestite in modo autonomo e discrezionale dal comune stesso senza l’obbligo di motivazione e senza che ai cittadini fosse riconosciuto alcun diritto. La cultura del servizio era centrata sulla segretezza delle attività degli enti pubblici e sul rapporto di sudditanza del cittadino verso l’amministrazione. In quel momento le risorse dedicate all’informazione/comunicazione erano pressoché nulle e nulla era, altresì, la partecipazione. Successivamente (con l’introduzione di nuove norme e con la progressiva diffusione della cultura della trasparenza) l’attività di informazione/comunicazione è diventata un diritto del cittadino: sono stati creati ambienti ad hoc per favorire l’interazione tra amministrazione e cittadino/utente. Le risorse che, attualmente, vengono destinate all’informazione/comunicazione sono sempre di più. Una di queste è stata l’istituzione nel 1993 degli Uffici di Relazione con il Pubblico (URP) da un lato, per dare una veste istituzionale alla emergente cultura della trasparenza amministrativa e della qualità dei servizi, dall’altro, per fornire uno strumento organizzativo adeguato alle esigenze di attuazione delle funzioni di comunicazione istituzionale e contatto con i cittadini.
Sarà la legge 150 del 2000 ad individuare gli URP come uno dei pilastri, unitamente al Servizio Stampa e al Portavoce, su cui poggia il sistema della comunicazione e dell’informazione all’interno delle pubbliche amministrazioni. Per sua natura questo ufficio al servizio del cittadino ha colto, fin dalla sua nascita, la necessità di "dialogare" con la propria utenza e ne ha fatto un tratto distintivo e peculiare della sua attività.
E’ proprio dal mio stage nell’Area Comunicazione del Municipio VIII del Comune di Roma, svolto tra giugno e ottobre 2009, che è nato questo progetto: dare ai cittadini la possibilità di giudicare l’operato del Municipio attraverso un’indagine di customer satisfaction, proprio in ottemperanza dell’art. 8 della legge 150 sopracitata. A tre anni di distanza dalla prima rilevazione (avvenuta nel 2006) è stato somministrato lo stesso questionario a 720 cittadini utilizzando un campionamento casuale sistematico con un passo di campionamento k=5. I cittadini venivano intervistati all’uscita del Municipio negli orari di apertura al pubblico per far sì che la selezione fosse il più casuale possibile non sapendo ancora in quale ufficio si fossero recati. La zona del Municipio delle Torri si estende per 113 kmq principalmente fuori il GRA e comprende i quartieri di Torre Angela, Tor Vergata, Torre Spaccata, Tor Bella Monaca e altri limitrofi, da cui deriva il suo nome. Presenta una popolazione anagraficamente giovane (età media 39,7 anni) ed estremamente estesa (con oltre 220 mila abitanti è più popolato della Città di Taranto) con molti problemi sociali, politici e culturali, tanto che in due inchieste del Corriere della Sera, scritte a due anni di distanza l’una dall’altra, il circondario di Tor Bella Monaca è stato paragonato al quartiere napoletano di Scampia.
Il primo Capitolo di questo lavoro tratta della parte teorica relativa al concetto di valutazione come un’attività tesa alla produzione sistematica di informazioni per dare giudizi su azioni pubbliche, con l’intento di migliorarle. Proprio per la sua caratteristica di essere una definizione assai poco restrittiva ha il pregio di adattarsi alle molteplici interpretazioni che vengono attribuite a tale termine in seno alla pubblica amministrazione. Attraverso l’analisi degli approcci più accreditati alla pratica della valutazione si arriva ad inserire l’analisi di customer satisfaction all’interno di quello chiamato “pragmatista – della qualità” e a tracciare le linee guida del suo utilizzo all’interno delle pubbliche amministrazioni.
Il secondo Capitolo indaga le principali trasformazioni introdotte con le due grandi riforme del sistema pubblico amministrativo: quella degli anni ’90 generalmente definita Riforma Bassanini e l’ultima, ancora in atto, proposta dall’attuale Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta.
Il tema principale del terzo Capitolo invece è la comunicazione: partendo dall’analisi dell’ascolto dell’utenza e dalla rilevazione dei suoi bisogni vengono descritti i compiti degli URP e tracciate le linee guida per avviare un processo di miglioramento continuo delle attiva di back e front office.
Il quarto e ultimo Capitolo presenta, nella prima parte, un’analisi socio - demografica dei dati forniti dal Dipartimento di Statistica del Comune di Roma e, nella seconda, i risultati delle indagini comparative delle due rilevazioni di customer satisfaction (quella del 2006 e l’ultima del 2009) esaminati con il software SPSS e successivamente presentati al responsabile dell’Area Comunicazione e al Direttore del Municipio VIII.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Tutte le province sono in lutto, tutti i popoli liberi si lamentano, anche tutti i regni infine reclamano contro la nostra cupidigia e i nostri soprusi; ormai non vi è alcun luogo entro l’Oceano né così lontano né così nascosto in cui in questi tempi non siano penetrate la brama e l’iniquità dei nostri uomini; ormai il popolo romano è incapace di sostenere non dico la violenza, le armi, la guerra, ma il dolore, le lacrime, i lamenti di tutte le genti. In una tale situazione e con tali usanze, se colui che sarà condotto in giudizio, quando le sue scelleratezze saranno chiaramente provate, dirà che altri hanno fatto le stesse cose, non gli mancheranno gli esempi, ma è la salvezza dello stato che correrà pericolo, se i malvagi saranno liberati dal pericolo del giudizio e della condanna in grazia del precedente di altri criminali. Vi piace la condotta dei vostri concittadini? Vi piace che le cariche pubbliche siano gestite così come sono gestite oggi? Perché io mi sono impegnato in quest’opera? Perché state seduti? Perché mentre sto parlando non vi alzate e ve ne andate? Volete reprimere almeno in parte l’impudenza e gli arbitrii di costoro? Cessate di essere in dubbio se sia più utile perdonare a uno solo in considerazione della disonestà di molti, oppure con la condanna di un disonesto tenere a freno la disonestà di molti. Ne è passata molta d’acqua lungo il Tevere nei più di 2000 anni che ci separano da questo scritto di Cicerone1 contro quello che lui considerava il caso più noto di governatore avido e rapace, che di certo non era un’eccezione nella Roma antica, eppure le sue parole sono così attuali che sembrano provenire più dal sito internet di uno dei nostri quotidiani piuttosto che da una pergamena del 70 a.C. Per porre un freno agli abusi dei governatori Giulio Cesare nel 59 a.C., l’anno del suo consolato, emanò una legge (lex Iulia de pecuniis repetundis), le cui norme costituiranno la base della legislazione imperiale in materia. Essa era ampia e minuziosa, e comprendeva ogni forma di malversazione nell’amministrazione pubblica. Da notizie sparse in varie fonti ricaviamo che la legge vietava ai governatori e alle persone del seguito nelle province, anche agli ufficiali e funzionari dalle qualifiche più basse, di accettare denaro (reato di concussione); i colpevoli dovevano restituire una somma pari a quattro volte l’importo ricevuto. Venivano regolate le missioni compiute a spese pubbliche e ristretti alle cose indispensabili (alloggio, legna, sale e foraggi) i contributi che potevano essere imposti agli abitanti. I sudditi (quelli che oggi chiamiamo utenti del servizio) erano protetti contro eccessive imposizioni tributarie da parte dei governatori, che dovevano depositare varie copie dei loro conti nelle città della provincia e 1 Cicerone, Verrine, II, III, 89, 207-208 in I grandi classici latini e greci, Fabbri Editori, Milano, 1994.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

area comunicazione
bassanini
brunetta
comune di roma
customer satisfaction
demografia
istat
legge 142
legge 150
municipio
popolazione
pubblica amministrazione
ricerca dati statistici
riforma
servizi sociali
statistica sociale
urp

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi