Skip to content

La V.O.C. La Compagnia delle Indie Olandesi nel XVII secolo - The Golden Age

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Ninniri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Gian Paolo Brizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Nel corso degli studi in storia le curiosità per approfondire temi o eventi sfiorati all’interno di un manuale o di una lettura che hanno però suscitato in noi un interesse particolare è esperienza che ritengo comune a tutti gli studenti, ma putroppo i ritmi degli studi e la mancanza degli strumenti per soddisfare tali interessi ci induce a rinviarli ad altra occasione. Giunti al momento in cui, con la redazione di uno studio più puntuale, siamo chiamati a preparare la tesi possiamo infine realizzare quello che prima non è stato possibile: selezionare una letteratura adeguata, immaginare una scaletta al cui interno riordinare i materiali selezionati, scrivere infine qualcosa di nostro sul tema che aveva suscitato in noi un particolare interesse.
Di cosa fosse una compagnia delle indie avevo qualche nozione, molto superficiale in realtà, ma essa ha sempre suscitato il mio interesse. Dopo, in un periodo trascorso ad Amsterdam, ebbi la possibilità di vedere la ricostruzione di una nave della Voc del XVIII secolo al Nederlands Scheepvaart Museum (il museo marittimo di Amsterdam, che si trova al centro della città) e di leggere qualcosa al riguardo: da lì l’idea di intraprendere uno studio incentrato sulla Compagnia delle Indie Orientali Olandesi (Vereenigde Oost-Indische Compagnie). La scelta di escludere dalla ricerca la Wic (West-Indische Compagnie), la Compagnia delle Indie Occidentali Olandesi, si spiega con il desiderio di non disperdere il mio interesse su un ambito troppo ampio, ma anche con la minor importanza di questa rispetto alla Voc.
Dunque una volta deciso il soggetto specifico della ricerca e lo spazio della sua azione, tra le Province Unite e le Indie Orientali (queste ultime in modo convenzionale cominciano da est del Capo di Buona Speranza fino ad arrivare alla base olandese in Giappone di Dejima, un isola artificiale nella baia di Nagasaki ), è stato necessario stabilire il tempo. E’ perciò scontato scegliere il XVII secolo, l’età d’oro olandese resa famosa da Johan Huizinga e la nascita della Voc nel 1602 . Stabilite le principali coordinate bisognava cercare le fonti. I testi italiani che trattino l’argomento sono scarsi, ma in inglese ne esistono svariati come in neerlandese e viste le mie scarse conoscenze in quest’ultima lingua ho preferito consultare solo testi in inglese. Leggendo le varie fonti, (tratte da monografie, articoli di riviste, ma anche da internet) sono venuto a conoscenza di numerose ed interessanti tematiche della società dei Paesi Bassi tra XVI e XVIII secolo. Rielaborando tutto il materiale a mia disposizione ho pianificato l’esposizione della ricerca: ho iniziato col riassumere brevemente la storia dei Paesi Bassi, partendo arbitrariamente dall’abdicazione di Carlo V, poco prima della costituzione delle Province Unite, quest’ultima tappa politica fondamentale (a mio avviso) per lo sviluppo economico di tipo capitalista-mercantilista che ebbe questa nazione; per poi spiegare in che contesto socio-politico-economico nacque la Compagnia Olandese delle Indie Orientali nel 1602. Mostrerò le differenze tra la società olandese e il resto dell’Europa occidentale, e la particolarità di questo “nuovo” Paese che si poneva quasi all’avanguardia rispetto al resto del mondo, anche per via della sua mentalità come dimostra Max Weber nella sua opera “L’etica protestante e lo spirito del capitalismo”.
Successivamente descritta la situazione generale della società e la storia delle Province Unite, entrerò nello specifico della ricerca esponendo il mio studio sulla Voc nel XVII secolo, anche se tratterò nel paragrafo 2.5 il suo declino che avverrà alla fine del XVIII secolo, ma non si potrebbe non fare questo salto nel tempo, pena l’incompletezza del lavoro. Quindi partirò dalla sua nascita e costituzione per poi illustrare la sua struttura e organizzazione monopolistica, la sua espansione territoriale, descrivendo le rotte delle merci con i commerci e gli scambi che avvenivano sia in Asia tra le colonie neerlandesi e tra le colonie neerlandesi e gli Stati sovrani asiatici, che tra Asia, colonie ed Europa. Nello stesso tempo cercherò di analizzare nei migliori dei modi il ruolo politico-governativo e militare della Voc nel continente asiatico; in ultimo le ripercussioni che ebbe la Compagnia delle Indie Orientali nell’economia delle Province Unite nella Golden Age, magari cercando di capire quanto la compagnia ebbe parte a creare questa età dell’oro. Credo che dopo aver esposto tutte queste argomentazioni sulla Voc si potrà trarre qualche personale conclusione finale, cercando l’oggettività, ma senza voler stabilire sentenze inopinabili, anzi tutt’altro.
Ebbene, scritta questa premessa, potrò esporre più agevolmente il mio lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
31. INTRODUZIONE Nel corso degli studi in storia le curiosità per approfondire temi o eventi sfiorati all’interno di un manuale o di una lettura che hanno però suscitato in noi un interesse particolare è esperienza che ritengo comune a tutti gli studenti, ma putroppo i ritmi degli studi e la mancanza degli strumenti per soddisfare tali interessi ci induce a rinviarli ad altra occasione. Giunti al momento in cui, con la redazione di uno studio più puntuale, siamo chiamati a preparare la tesi possiamo infine realizzare quello che prima non è stato possibile: selezionare una letteratura adeguata, immaginare una scaletta al cui interno riordinare i materiali selezionati, scrivere infine qualcosa di nostro sul tema che aveva suscitato in noi un particolare interesse. Di cosa fosse una compagnia delle indie avevo qualche nozione, molto superficiale in realtà, ma essa ha sempre suscitato il mio interesse. Dopo, in un periodo trascorso ad Amsterdam, ebbi la possibilità di vedere la ricostruzione di una nave della Voc del XVIII secolo al Nederlands Scheepvaart Museum (il museo marittimo di Amsterdam, che si trova al centro della città) e di leggere qualcosa al riguardo: da lì l’idea di intraprendere uno studio incentrato sulla Compagnia delle Indie Orientali Olandesi (Vereenigde Oost-Indische Compagnie). La scelta di escludere dalla ricerca la Wic (West-Indische Compagnie), la Compagnia delle Indie Occidentali Olandesi, si spiega con il desiderio di non disperdere il mio interesse su un ambito troppo ampio, ma anche con la minor importanza di questa rispetto alla Voc. Dunque una volta deciso il soggetto specifico della ricerca e lo spazio della sua azione, tra le Province Unite e le Indie Orientali (queste ultime in modo convenzionale cominciano da est del Capo di Buona Speranza fino ad arrivare alla base olandese in Giappone di Dejima, un isola artificiale nella baia di Nagasaki 1 ), è stato necessario stabilire il tempo. E’ perciò scontato scegliere il XVII secolo, l’età d’oro olandese resa 1 Maarten Roy Prak, The Dutch Republic in the seventeenth century: the golden age, New York, Cambridge University Press, 2005, p. 119

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amsterdam
batavia
capitalismo
colonie
commerci
compagnia
guerra
indie
mari
mercanti
mercantilismo
merci
moderna
monopolio
navi
olanda
paesi bassi
province unite
rotte
seta
spezie
storia
voc
xvii secolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi