Skip to content

Le lobby nell'Unione europea: organizzazione e strategie

Informazioni tesi

  Autore: Eros Vincent Costante
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Piero Ignazi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

Il fenomeno lobbistico nell’UE è vario e mutevole, ma è anche molto rilevante nel quadro istituzionale europeo e si pone come possibile risposta ad una maggiore partecipazione della società civile alla politica europea. Nell'indagarlo abbiamo voluto rispondere a queste domande: che tipo d’interazione esiste tra le lobby e le istituzioni UE e quali sono le principali modalità con cui avviene? Quali sono le vie d'accesso e le tecniche più proficue per un lobbista di successo? Cosa determina la logica e le strategie delle lobby? Quali sono le principali scelte strategiche che le lobby devono affrontare e quali sono i canali di influenza più adatti a farlo? Per rispondervi ci doteremo anzitutto di opportuni strumenti interpretativi: definiremo l’elemento chiave del sistema, il gruppo e opereremo delle scelte tra i vari termini con cui viene etichettato; affronteremo le basi quantitative del fenomeno, scegliendo con cautela le fonti che rispondano agli obiettivi di questo lavoro; faremo una presentazione degli interessi rappresentati in UE e sintetizzeremo il tutto in una classificazione che funga da prima “mappa” per identificare la distribuzione degli interessi in UE. Le lobby sfruttano le diverse opportunità di accesso garantite dal particolare sistema multilivello UE dalla fase di agenda setting fino a quella del voto, scegliendo di volta in volta il bersaglio di riferimento più allettante e utilizzando tecniche ad hoc per ciascuna istituzione. Dal canto loro la Commissione, il PE, il Consiglio dell’UE e il Consiglio Europeo, la Corte di Giustizia, contribuiscono, ciascuna, a definire il contesto in cui le lobby operano, principalmente attraverso i loro poteri e il loro ruolo relativo nel processo decisionale e le loro scelte regolative, politiche e giuridiche. Tutto ciò ha comportato che, visto che il graduale trasferimento di competenze dal piano nazionale a quello europeo è forte, sia sempre più prioritaria un’azione di lobbying rivolta a queste istituzioni. La logica delle lobby in UE sarà frutto, dunque, di questo particolare assetto istituzionale, ma non solo. A determinarla contribuirà anche la variabile delle risorse: sia quelle detenute dalle lobby, che quelle di cui le istituzioni necessitano. E contribuiranno fortemente anche le variabili organizzative esterne (la natura delle questioni politiche e i metodi d’interazione), così come quella interna (il formato organizzativo). Dalle diverse variabili determinanti per spiegare la logica delle lobby scaturiscono altrettanti canali di influenza. Ciò comporta che la strategia generale di una lobby incorporerà in se, in ogni caso, diversi canali di influenza. A seconda delle situazioni, però, le lobby porranno l’accento su uno o sull’altro di questi canali d’influenza. Mostreremo quali scelte operano in questo senso le grandi aziende poste innanzi al bivio tra lobbying diretto e lobbying associativo affrontando nel dettaglio il caso della Direttiva sul fine vita dei veicoli (end of life vehicles). Mostreremo quale sia la propensione delle lobby in generale a porre l’accento sul canale “processuale” mostrando 4 casi reali tratti dal contesto dell'Unione Europea: il caso della proprietà intellettuale, della libera circolazione delle merci, della classificazione dei dazi, della libera circolazione dei capitali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
vi - INTRODUZIONE - Nessuno ha dubbi riguardo il fatto che il graduale trasferimento di competenze regolative all’UE avvenuto negli ultimi trent’anni abbia contribuito all’europeizzazione della rappresentazione degli interessi. Ciò ci spinge, non solo a considerare il fenomeno lobbistico come degno di grande attenzione allo stato attuale, ma anche a presupporne una sempre più grande centralità nello sviluppo dell’UE. Uno studio rigoroso che presenti i caratteri distintivi del fenomeno lobbistico in UE e entri nel dettaglio dell’organizzazione e delle strategie delle lobby avrà particolare significato per il sistema politico UE. Ciò e dimostrato dal fatto che, soprattutto in tempi molto recenti, sono proliferati puntuali studi che fanno luce proprio su questa materia e da diversi punti di osservazione: c’è chi pone enfasi sul processo decisionale europeo e sul suo apporto regolativo (Mazey & Richardson, 2009); chi considera focale il ruolo delle risorse, che garantiscono accesso al processo decisionale (Bouwen, 2004); chi sottolinea l’importanza della natura del conflitto politico (Eising, 2009); chi impernia la questione sulla struttura organizzativa dei gruppi e del contesto in cui agiscono (Beyers, 2008). Molto frequente è anche l’interpretazione tramite approcci settoriali, dove ci si focalizza su una specifica categoria di lobby e sul suo particolare ruolo nel contesto della politica dell’UE (Pappi & Henning, 1999). Il nostro lavoro si inserisce dunque in questo quadro generale e anch’esso mira a fare maggiore chiarezza sull’organizzazione e le strategie delle lobby. Questo significherà riuscire a rispondere, tra le altre, a queste domande: qual è il ruolo delle lobby nel processo decisionale dall’agenda setting al suo compimento? Come ha influito la particolare lettura che le istituzioni UE hanno dato al sistema degli interessi (con scelte organizzative, regolative, politiche) sul lobbying in UE? Quali sono le modalità di interazione tra le singole istituzioni UE e i lobbisti? Quali sono le risorse di cui le istituzioni UE necessitano maggiormente e quali tipi di lobby sono in grado di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

access goods
associazioni europee
associazioni nazionali
bouwen
commissione europea
connecs
consiglio dell'unione europea
corte di giustizia dell'unione europea
formato organizzativo
gruppi
gruppo di interesse
interessi organizzati
interessi orizzontali
lobby
lobbying
ong
organizzazione
parlamento europeo
public affairs
società civile organizzata
strategie
unione europea
volkswagen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi