Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto di tre forme di allevamento differenti sulla qualità delle uve Negro Amaro

Il Negro amaro è il vitigno autoctono più coltivato in Puglia, più precisamente coltivato nell‟intera penisola salentina, comprendente interamente le province di Lecce, Brindisi ed in parte anche Taranto. Ultimamente si è diffuso anche nel resto della regione. La tipologia di impianto che tradizionalmente ha caratterizzato le aree di coltivazione del vitigno ha sempre previsto l‟impiego della forma di allevamento ad Alberello, caratterizzata da carica in gemme ridotta, ed elevata densità di piantagione. Negli ultimi anni, comunque, sono stati realizzati nuovi vigneti di Negro amaro con forma di allevamento a Guyot con differenti sistemi di potatura e, nelle aree con suoli a maggiore fertilità, anche a impianti a Tendone.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 GENERALITÀ SULLE FORME DI ALLEVAMENTO 1.1.1 GUYOT Il nome di questa forma di allevamento deriva da Jules Guyot che, verso la metà dell‟ottocento, pubblicò un articolato volume sulle forme di allevamento riscontrate in Francia. In realtà, questa forma di potatura era già utilizzata da Fig. 1.1- Sistema di allevamento a Guyot secoli, ad esempio nell‟Astigiano, per la sua funzionalità. Nella forma classica il Guyot è costituito da un ceppo relativamente basso sul quale sono inseriti uno sperone di 1-2 gemme e un capo a frutto di lunghezza variabile (6-12 gemme), le pratiche che questo metodo di allevamento prevede tendono ad eliminare tutta la vegetazione ad eccezione di un tralcio vecchio di un anno (capo a frutto) e un piccolo sperone, ovvero una porzione di tralcio di dimensioni ridotte, portante 2-3 gemme. Il capo a frutto è sistemato sul filo orizzontalmente, oppure inarcato e legato all‟estremità (archetto). Il tralcio inarcato favorisce la schiusura delle gemme centrali del tralcio, che in alcune varietà, come ad esempio il Merlot, può talvolta rappresentare un problema. La formazione dell‟archetto stimola inoltre l‟emissione di germogli dalla sommità del tronco, rendendo superfluo lo sperone lasciato con la potatura, questa possibilità deve essere presa in considerazione quando si teme che i germogli sviluppatisi dallo sperone, trovandosi in posizione di nutrimento privilegiata, possano limitare lo sviluppo dei germogli del tralcio (Castaldi, 2008). Il Guyot, come tutti i sistemi di potatura mista, si presta per i vitigni molto produttivi che fruttificano principalmente sui tralci emessi dalle gemme intermedie del capo a frutto: in questi vitigni la potatura corta non garantirebbe un'adeguata produzione a causa della scarsa produttività delle gemme basali. Il numero di gemme di cui si compone il capo a frutto del Guyot varia secondo 2

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Giulio Glielmi Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 296 click dal 25/08/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.