Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo stato d’emergenza nel diritto pubblico francese: dalla crisi algerina del 1955 ai disordini nelle periferie francesi del 2005

L’idea di questo lavoro nasce in seguito ai recenti disordini nelle banlieue francesi, durante il mese di novembre del 2005. Per affrontare questa grave crisi interna il Governo ha ritenuto opportuno applicare la Legge n° 55-385 del 3 aprile 1955 sullo stato d’emergenza, una legge nata durante il lungo conflitto che ha portato all’indipendenza dell’Algeria dalla Francia.
L’obiettivo è quello di esaminare la suddetta legge nel più ampio contesto del diritto della necessità francese, analizzando comparativamente i diversi contesti storici, politici e sociali che hanno indotto una tale legislazione d’emergenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I. LA DISCIPLINA DELLO STATO DI NECESSITÀ IN GENERALE E NEL DIRITTO PUBBLICO FRANCESE I. Lo stato di necessità in generale 1. Presupposti e caratteri Il principio cardine dello stato di diritto è la supremazia della legge: tutti i soggetti e i poteri dello stato sono regolati da norme giuridiche generali ed astratte. L’insieme di tali norme forma l’ordinamento giuridico, inteso quale sistema compatto di regole e principi, finiti e coerenti, che ha nello Stato il suo momento di unificazione. Gli ordinamenti liberal-democratici si basano sul principio della separazione dei poteri e su quello di legalità, per cui qualsiasi aspetto della vita dello Stato è regolato dalle leggi e nessun fatto può essere punito se, al momento della commissione, non sia previsto come reato. Questa coerenza interna e unità dell’ordinamento può entrare in crisi qualora si verifichino situazioni eccezionali, potenzialmente capaci di compromettere l’esistenza dell’ordinamento stesso e per affrontare le quali risultino insufficienti i mezzi normalmente previsti. Tali situazioni, per cui è necessario ricorrere ad altri poteri rispetto a quelli ordinari, possono essere determinate da cause tra loro anche molto diverse: si può trattare ad esempio di catastrofi naturali; di un clima di tensione dettato da gravi crisi economiche o da malesseri politico-sociali; di veri e propri attentati alla vita dello stato, provenienti dall’interno (nel qual caso si 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Tiecco Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1106 click dal 26/08/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.