Skip to content

Gelosia: sinonimo di amore e giustificazione della violenza? Ricerca empirica con adulti

Informazioni tesi

  Autore: Monica Gazzetta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Vanda Zammuner
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Il termine geloso deriva dal latino medioevale zelusus (pieno di zelo) che, a sua volta, deriva dal greco zêlos, che stava ad indicare emulazione, invidia, rivalità. Nonostante però l’etimologia del termine possa aiutarci ad inquadrarla entro un ambito di senso piuttosto definito, tentare di darne una definizione ben precisa non è così facile come può sembrare.
In molti, infatti, hanno cercato di descriverla, di spiegarla, quali fatti la producano e quali comportamenti provochi, ma soprattutto di determinare quali persone vi siano più inclini.
Essa, è da sempre presente nell’arte, nella letteratura, ma anche nel cinema; ricordiamo, per esempio, l’opera di Munch del 1895 intitolata “gelosia”, la novella di Verga da “Per le vie” (1883) intitolata anch’essa “gelosia” e il film “Dramma della gelosia: tutti i particolari in cronaca” (1969).
Può diventare, però, un’emozione così potente da reclamare spesso le vite umane, essa infatti è una dei cinque motivi di omicidio.
Nel 2004, il 70% delle vittime di omicidio sono donne, uccise per ragioni passionali (23%), in seguito a liti (23%) o disturbi psichici (12,8%).(Rapporto 2005, “L’omicidio volontario in Italia”, curato da Eures ed Ansa).
Nel 2005, la percentuale degli omicidi in ambiente domestico è del (58,7%) e risulta molto più elevata nelle regioni del Nord (62,8%), rispetto a quelle del Centro (57,8%) e del Sud (55,6%).
La principale vittima è il/la coniuge (27,7%), indicando come principale asse critico della relazione quello affettivo; molto elevato è inoltre il numero degli ex-coniugi o ex-partner (8,9%), principalmente vittime degli omicidi a carattere passionale, insieme ai partner/amanti (7,5%), agli spasimanti (1,4%) e, soprattutto, ai “rivali” (5,2%).

L’elemento che più degli altri può aver influito nel comportamento omicidario è il movente passionale (32,9% dei casi); inoltre, la maggior parte degli omicidi avviene in camera da letto (26,9%). (Rapporto Marzo 2006, “Gli omicidi in ambiente domestico in Italia”, curato da Eures).
Quali sono dunque, le differenze sessuali nella gelosia? Come insorge la gelosia? Che differenza c’è tra gelosia normale e patologica?
Nella prima parte di questo elaborato, verranno considerate queste ed altre domande, a cui verranno date risposte basate sulla letteratura e sulla descrizione di alcune ricerche.
Nella seconda parte, attraverso una ricerca empirica, verrà esaminato il rapporto esistente tra gelosia ed infedeltà, reale o presunta.
Le ipotesi prese in considerazione sono tre. La prima ipotesi analizza se le persone considerano le manifestazioni di gelosia come segni d’amore.
La seconda ipotesi esamina se la violenza perde una parte della sua negatività in caso sia stata scatenata da situazioni di gelosia e se le persone arrivano ad “accettarla”, in quanto deriva da un amore romantico.
La terza ipotesi analizza se un abuso sessuale nei confronti della moglie perde la valenza di stupro se, a scatenarlo, è stata questa emozione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
GazzettaM Jealousy 3 INTRODUZIONE Il termine geloso deriva dal latino medioevale zelusus (pieno di zelo) che, a sua volta, deriva dal greco zêlos, che stava ad indicare emulazione, invidia, rivalità. Nonostante però l’etimologia del termine possa aiutarci ad inquadrarla entro un ambito di senso piuttosto definito, tentare di darne una definizione ben precisa non è così facile come può sembrare. In molti, infatti, hanno cercato di descriverla, di spiegarla, quali fatti la producano e quali comportamenti provochi, ma soprattutto di determinare quali persone vi siano più inclini. Essa, è da sempre presente nell’arte, nella letteratura, ma anche nel cinema; ricordiamo, per esempio, l’opera di Munch del 1895 intitolata “gelosia”, la novella di Verga da “Per le vie” (1883) intitolata anch’essa “gelosia” e il film “Dramma della gelosia: tutti i particolari in cronaca” (1969). Può diventare, però, un’emozione così potente da reclamare spesso le vite umane, essa infatti è una dei cinque motivi di omicidio. Nel 2004, il 70% delle vittime di omicidio sono donne, uccise per ragioni passionali (23%), in seguito a liti (23%) o disturbi psichici (12,8%).(Rapporto 2005, “L’omicidio volontario in Italia”, curato da Eures ed Ansa). Nel 2005, la percentuale degli omicidi in ambiente domestico è del (58,7%) e risulta molto più elevata nelle regioni del Nord (62,8%), rispetto a quelle del Centro (57,8%) e del Sud (55,6%). La principale vittima è il/la coniuge (27,7%), indicando come principale asse critico della relazione quello affettivo; molto elevato è inoltre il numero degli ex- coniugi o ex-partner (8,9%), principalmente vittime degli omicidi a carattere passionale, insieme ai partner/amanti (7,5%), agli spasimanti (1,4%) e, soprattutto, ai “rivali” (5,2%).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abuso sessuale
amore
gelosia
gelosia patologica
gelosia violenza
violenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi