Skip to content

Aspetti e problemi dello sviluppo turistico nei nebrodi: il caso di Capo d'Orlando

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Inzodda
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Turismo
  Relatore: Maria Luisa Bonica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

I monti Nebrodi, assieme alle Madonie ad ovest ed ai Peloritani ad est, costituiscono l’Appennino siculo. Essi si affacciano, a nord, direttamente sul mar Tirreno mentre il loro limite meridionale è segnato dall’Etna, in particolare dal fiume Alcantara e dall’alto corso del Simeto. Gli elementi che caratterizzano il paesaggio naturale dei Nebrodi sono la dissimetria dei vari versanti, la diversità di modellazione dei rilievi, la ricchissima vegetazione e gli ambienti umidi. Connotazione essenziale dell’andamento orografico è la dolcezza dei rilievi, dovuta alla presenza di estesi banchi di rocce argilloso-arenacee: le cime, che raggiungono con Monte Soro la quota massima di 1847 metri s.l.m. hanno fianchi arrotondati e si aprono in ampie vallate solcate da numerose fiumare che sfociano nel Mar Tirreno. Ove però predominano i calcari, il paesaggio assume aspetti dolomitici, con profili irregolari e forme aspre e fessurate. È questo il caso del Monte San Fratello e soprattutto, delle Rocche del Crasto (1.315metri s.l.m.). Importante, poi è sottolineare il diffuso processo di progressivo acculturamento del territorio del parco che ha portato, durante i secoli, ad una trasformazione dei Nebrodi da paesaggio naturale in paesaggio culturale. Così delimitato il territorio copre una superficie complessiva di circa 200.000 ettari, ricadenti in massima parte nella provincia di Messina e in misura minore nelle province di Catania, Enna e Palermo.
I comuni compresi sono una quarantina con una popolazione di circa 200.000 abitanti.
Semplice appare nell’insieme il disegno morfologico principale: dalla lunga e sinuosa linea di cresta disposta sull’asse est-ovest, si dipartono, a sud e a nord, valli e crinali quasi paralleli.
Da oriente ad occidente questa linea è segnata dai seguenti rilievi: Serra Baratta (1.395m.), Monte dell’Orso (1.430m.), Monte del Moro(1433m.), Serra Pignataro (1.661m.), Serra del Re (1.754m.), Monte Soro (1.847m.), Poggio Tornitore (1751m.), Monte Pelato (1.567m.), Pizzo Fau (1.686m.), Monte Pomiere (1.554m.), Pizzo Bidi (1.586m.), Monte Castelli(1.566m.).
Inoltre sono da ricordare alcuni valichi (Portelle), attraverso i quali da tempo memorabile avviene il passaggio di uomini e merci da un versante all’altro: Portella Mitta (1.244m.), Portella del Biviere (1.283m.), Portella Femmina Morta (1.502m.), Portella dell’Obolo (1.503m.), Sella del Contrasto (1.120m.).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo Secondo STORIA, SOCIETA’ ED ECONOMIA DEI NEBRODI 2.1 - Cenni storici Ambienti di elevata naturalità, i Nebrodi custodiscono nel proprio terri- torio i segni dell‟azione millenaria dell‟uomo connotandosi per la inces- sante interazione tra natura e civiltà, come “paesaggio culturale”. Il nome di questa regione montuosa sembra derivare da uno dei tanti epiteti del dio Dionisio o Bacco: Nebrodés (vale a dire simile ad un cerbiatto: ani- male sacrificale del culto dionisiaco). Com‟è attestato dall‟antologia greca (raccolta di epigrammi greci e di età classica e ellenistica) e dal ritrova- mento, in numerose città del comprensorio nebroideo come Tusa (Alae- sa) e Mistretta (Amestratos), di prove sicurissime quali sono le monete ri- trovate, durante gli scavi, nelle suddette città e nelle quali appare la figura di Bacco a volte accompagnata da quella di Sileno suo compagno insepa- 18

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiume alcantara
monti nebrodi
morfologia
parco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi