Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Emotività, attività & secondarietà: le nuovissime frontiere del carattere

La presente tesi è orientata verso quelle persone che hanno bisogno di aiuto per i problemi trattati all'interno dell'elaborato finale.

Mostra/Nascondi contenuto.
2) LA CONOSCENZA DEL CARATTERE Conoscere il proprio temperamento ed il temperamento dei propri alunni non è soltanto un’interesse oppure non è soltanto una curiosità tuttavia per ogni educatore costituisce una vera esigenza. Nel linguaggio comune il termine: ―CARATTERE‖, possiede una certa ambiguità. Si riferisce ad un duplice oggetto: il complesso dei fattori che stanno a fondamento della no- stra personalità e la forza più o meno intensa con la quale noi siamo in grado di padroneggiare tali fattori. Si tende a pensare che il Carattere sia una specie di vestito preconfezionato che noi ci portiamo addosso fin dalla nascita oppure che il Carattere sia il risultato di una fatalità inesorabile che ci sfugge, di fronte alla quale non possiamo opporre nessuna resistenza. È abbastanza comprensibile che l'ambiente agisca sul carattere in formazione di un ragazzo, favorendo alcuni elementi oppure inibendone altri. Certe inclinazioni, perciò, si svilupperanno più di altre, a seconda delle influenze esercitate sull'alunno da coloro che lo circondano, soprattutto: ―I GENITORI E GLI INSEGNANTI‖. Attraverso le proposte educative del contesto familiare e dell'ambiente scolastico in cui l'alunno vive, alcuni aspetti temperamentali vengono stimolati e potenziati, altri stimoli sono frenati oppure sono bloccati. Il Temperamento è il substrato del Carattere, è una forza vitale e dinamica che condiziona il vigore, la velocità e la durata della reazioni dell'Uomo. Ogni uomo si differenzia dagli altri per la diversa sensibilità agli stimoli esterni e dal diverso modo di reagire. Queste disposizioni degli alunni se ben orientate possono trasformarsi in virtù, se invece vengono ignorate possono trasformarsi in difetti del carattere. Un’uomo che usa poco la sua libertà si accontenta di seguire l'inclinazione del suo temperamento; l'uomo libero invece è in grado di dominare il proprio temperamento e di giungere a dare il meglio che può dare. L'Educazione del Carattere è strettamente legata alla maturazione del senso morale che rende ogni persona libera e responsabile. Con l'Educazione ci si propone di aiutare ogni allievo ad essere quello che può e deve essere. Un’Educatore dovrebbe conoscere bene i propri studenti per rispettarne la natura, per assecondarla nel suo sviluppo armonico. Un’Educatore, infatti, non può ignorare le differenze esistenti fra i vari temperamenti se si propone la formazione del carattere morale di ogni studente. Prima di dare una medicina oppure prima di consigliare una dieta, il medico fa la sua diagnosi; così, il saggio educatore prima di attuare un'azione educativa, cerca di conoscere lo studente, di esplorarne la mente ed il cuore; non potendo essere efficace se non parte "DA", e non si inserisce "IN" quella realtà, che è l'alunno. II Carattere è il complesso delle disposizioni, delle inclinazioni, delle idee, dei gusti di un’uomo. È frutto di natura e di educazione. Il Temperamento è l'insieme potremmo dire grezzo di: 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Dario Renda Contatta »

Composta da 14 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1570 click dal 30/09/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.