Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione no profit online

Il non profit è un settore che ha iniziato ad utilizzare le nuove tecnologie tardi rispetto ad altri tipi di organizzazioni, e quindi la cultura di internet ha incontrato maggiori difficoltà nella sua diffusione, rispetto ad altri campi.
Il mondo del non profit, in Italia, ha una limitata conoscenza dell’inglese, che è la lingua ufficiale di internet.
La maggior parte dei siti che ci interessano sono inglesi o statunitensi o comunque usano questa lingua.
Penso che tra qualche anno il problema sarà risolto con la diffusione a basso costo o, meglio, gratuita di programmi di traduzione.
Gli utenti dei servizi alla persona offerti dal non profit non useranno facilmente internet per contattare le organizzazioni, anche se la rete globale ha il vantaggio di garantire in qualche modo l’anonimato.
Internet è un nuovo ambiente di comunicazione, dato che la comunicazione è l’essenza dell’attività umana, tutti i campi della vita sociale sono sempre più modificati dall’uso sempre più diffuso di internet.
Leggendo la stesura del quarto capitolo di questa tesi, è evidente che i siti più completi e migliori appartengono a onp strettamente legate a realtà internazionali, considerando il fatto che esempi concreti e di maggior pregio provengono dal mondo anglosassone.
Invece, anche in Italia si sta percorrendo una strada assolutamente originale, adatta all’attuale capacità di utilizzo di internet da parte degli utenti, e quindi sono riuscito abbastanza facilmente a trovare esempi nostrani positivi da sottoporre alla lettura.
È emersa anche l’arretratezza del nostro Paese per certi aspetti legati in particolare ai servizi (come il fund raising), ma ciò non è imputabile a incompetenze o alla pigrizia delle onp, piuttosto a una realtà più generale che è, comunque, già in rapida evoluzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE L’idea che il cittadino ha del non profit è ancorata alla singola realizzazione della buona azione o al progetto, alla sua finalizzazione concreta. Fatica invece ad affermarsi ciò che in realtà è diventato negli anni questo settore, ovvero un vero e proprio mercato, con le sue regole, le economie, le corporazioni, e i sistemi di relazione con gli altri settori produttivi e istituzionali, con il mass market. Un settore poco indagato impoverisce persino chi ne fa parte, perché non si riescono a comprendere le tendenze, dove va il mercato, quali sono i freni e quali sono invece i fattori di sviluppo. Si tratta di un settore ancora poco conosciuto ma vissuto intensamente con poca consapevolezza, in quanto il non profit pervade le nostre vite più di quanto immaginiamo. Spesso le strutture sanitarie hanno natura non profit, e non si contano le associazioni che aiutano i malati, partiti e sindacati hanno la forma giuridica di enti non profit, le nuove tendenze del consumo critico, del turismo responsabile, della salvaguardia del microcosmo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Cavallo Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1279 click dal 05/01/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.