Skip to content

Modifiche indotte dalla lettura Braille nell'organizzazione cerebrale

Informazioni tesi

  Autore: Lara Polsoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Paola Guariglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

Il codice braille è un sistema di scrittura a punti in rilievo, che formano dei caratteri leggibili passandovi sopra i polpastrelli delle dita; è utilizzato da non vedenti ed ipovedenti. L’incremento di acuità tattile nelle persone non vedenti, che consente la fine discriminazione necessaria alla lettura dei caratteri Braille, è possibile grazie ad un’organizzazione cerebrale differente da quella che si riscontra nelle persone vedenti. La mancanza di afferenze visive, anche nel breve periodo, dà luogo a fenomeni di plasticità cerebrale che sono stati solo in parte spiegati. I processi percettivi implicati nella lettura braille possono essere mediati dal sistema somatosensoriale, mentre l’identificazione delle lettere nel vedente avviene solitamente ad opera del sistema visivo. Studi elettrofisiologici e di neuroimaging hanno indicato che il sistema visivo nel non vedente può essere utilizzato per l’elaborazione tattile in luogo del suo scopo originario. Le principali modifiche indotte dalla lettura braille nell’organizzazione cerebrale riguardano dunque il reclutamento della corteccia occipitale per i compiti di discriminazione e riconoscimento tattile e le rappresentazioni delle dita della mano utilizzata per la lettura nella corteccia somatosensoriale. Rimangono alcune questioni aperte su cui si attendono i risultati di ulteriori ricerche, come ad esempio il ruolo della dominanza manuale e della specializzazione emisferica e le differenti modifiche che avvengono nella corteccia dei non vedenti e degli ipovedenti a seguito della lettura braille.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Breve introduzione al sistema Braille. Il sistema di scrittura Braille fu ideato dal francese Louis Braille (1809-1852). Egli divenne completamente cieco all’età di 5 anni, a causa di una ferita infetta procuratasi due anni prima giocando con un utensile nel laboratorio artigianale del padre. Questo sistema rivoluzionario ha permesso alle persone cieche di accedere alla cultura scritta in piena autonomia, migliorandone notevolmente la qualità della vita. Prima del sistema Braille vi furono altri tentativi di implementazione di un sistema di scrittura tattile. Uno dei precursori fu Charles Barbier de la Serre (1767-1841), che creò un linguaggio tattile ad uso dell’esercito napoleonico, per consentire la lettura notturna in trincea, evitando di accendere fuochi e utilizzando un codice sconosciuto al nemico. Louis Braille modificò questo alfabeto fino a giungere a qualcosa di molto vicino alla versione del codice braille attualmente in uso. La sua diffusione nel mondo richiese del tempo. Nel 1950 l’Unesco universalizzò l’alfabeto Braille e nel 2005 gli attribuì il riconoscimento di “linguaggio vitale di comunicazione, legittimato come tutti gli altri linguaggi nel mondo”. Il codice braille è dunque un sistema di scrittura a punti in rilievo, che formano dei caratteri leggibili passandovi sopra i polpastrelli delle dita. Per ogni carattere i puntini sono disposti in una “casella” immaginaria di mm 6x3 suddivisa in 3 file parallele di 2 punti ciascuna, dove i puntini possono collocarsi: in alto a destra, in alto a sinistra, al centro a destra, al centro a sinistra, in basso a destra, in basso a sinistra. È comune indicare le coordinate dei punti attraverso dei numeri assegnati a tali spazi. Ad esempio il numero “1” corrisponde alla posizione del puntino in alto a sinistra. Un carattere può essere formato da uno a sei puntini. È possibile ottenere fino a 63 combinazioni diverse dei puntini all’interno della casella. Tanto per fare qualche esempio, un punto in alto a sinistra (1) rappresenta la lettera “A”, un punto in alto a destra ed uno a sinistra (1-4) rappresentano la lettera “C”, un punto in alto, uno al centro ed uno in basso a sinistra (1-2-3) la lettera “L”. I caratteri braille sono utilizzati non solo per rappresentare le lettere 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

braille
brain imaging
ciechi
corteccia occipitale
ipovedenti
neuropsicologia
non vedenti
plasticità cerebrale
somatosensoriale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi