Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Etichettatura ecologica nel settore turistico: l'ecolabel in una struttura ricettiva

Quasi sei miliardi di spostamenti all'anno (500 milioni i soli voli internazionali), 127 milioni di occupati nel mondo, fatturato pari al 6% del PIL del pianeta: questi i numeri del turismo al giorno d’oggi (AITR, 1994).
Un fenomeno complesso, le cui conseguenze in termini di impatto ambientale, culturale, sociale ed economico non possono più essere ignorate. Impatto che spesso è devastante, soprattutto nei paesi del sud del mondo, dove la perdita di valori e tradizioni, la sottrazione di risorse, il disagio sociale dovuti all'invasione del turismo di massa non viene nemmeno compensata da un'equa redistribuzione del reddito generato.
una famiglia di 4 persone consuma circa 7 chilowattora al giorno bruciando circa 2 chili di petrolio e liberando oltre 3000 grammi di CO2. Inoltre, una famiglia produce ogni giorno quasi 6 chili di rifiuti e consuma circa 1000 litri di acqua” (ENEA, 2004). Se si rapporta questa considerazione all’ enorme mole del campo turistico, si comprende come le conseguenze di uno sviluppo scellerato del settore possano avere gravi ripercussioni di insostenibilità.
Negli ultimi anni è aumentata sempre più la consapevolezza di quanto il rispetto per l’ambiente, nel suo vasto contesto, sia diventato un valore molto importante e altamente significante per le località turistiche.
Nei territori dove il turismo rappresenta una componente rilevante dell’economia è importante preservare le caratteristiche che contraddistinguono la particolare offerta turistica.
Proprio per questo si è iniziato dare un ruolo prioritario alla promozione ed all’acquisizione dei principi della sostenibilità nel campo del turismo.
I suddetti principi e, in generale, i principi dello sviluppo sostenibile trovano immediata applicazione in questo ambito in quanto l’attività economica è strettamente correlata e dipende direttamente dalla qualità ambientale e dalla comunità locale, la salvaguardia di queste due componenti è il presupposto per la sussistenza dell’attività economica.
Una politica di incentivazione e promozione del turismo sostenibile può costituire, inoltre, l’ occasione per un ente locale, di riorganizzare le proprie attività in modo integrato. Il turismo sostenibile, infatti, opera su molteplici settori d’azione ed è, pertanto, trasversale alle diverse attività svolte.
Gli strumenti attuativi per una politica di turismo sostenibile sono molteplici e possono essere indirizzati alla località e/o alla struttura ricettiva.
Molta importanza, negli ultimi anni, hanno assunto gli strumenti volontari di certificazione ambientale. Il crescente interesse verso di essi, e l’altrettanto crescente numero di strutture che hanno deciso di adottare un sistema di gestione ambientale o di fregiarsi di una certificazione, dimostra il loro successo, ed è la prova della diffusa fiducia nella loro efficacia.
Nel presente studio verrà analizzata la principale certificazione volontaria applicata al turismo ovverosia il marchio Ecolabel. Alla suddetta analisi seguirà l’ applicazione e la verifica dell’ Ecolabel ad una struttura alberghiera siciliana.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni”(WCED, 1987). Ho scelto tale autorevole definizione, per introdurre l‟ argomento di questo elaborato, perché credo metta in evidenza un principio etico importantissimo che tocca in maniera globale e trasversale vari aspetti dell‟ eco-sostenibilità, quindi anche e soprattutto il fenomeno turistico. Quasi sei miliardi di spostamenti all'anno (500 milioni i soli voli internazionali), 127 milioni di occupati nel mondo, fatturato pari al 6% del PIL del pianeta: questi i numeri del turismo al giorno d‟oggi(AITR, 1994). Un fenomeno complesso, le cui conseguenze in termini di impatto ambientale, culturale, sociale ed economico non possono più essere ignorate. Impatto che spesso è devastante, soprattutto nei paesi del sud del mondo, dove la perdita di valori e tradizioni, la sottrazione di risorse, il disagio sociale dovuti all'invasione del turismo di massa non viene 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Pagano Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2360 click dal 29/09/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.