Skip to content

Antonio Marras: frammenti di un'isola sulla passerella

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Concu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Bernardo Valli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

La prima considerazione che feci nel vedere una collezione di Antonio Marras, in un numero di Vogue Sfilate del 2000, fu quella del ritrovarvi qualcosa di passato, qualcosa della Sardegna e qualcosa di, assolutamente, nuovo.
Così l’argomento che ho scelto di trattare, nasce dall’aver individuato nel lavoro di Antonio Marras, alcune delle contraddizioni di cui è intriso il nostro presente: locale e globale, tradizione e innovazione, memoria e futuro, mettendoli alla prova e riuscendo ad amalgamarli perfettamente, grazie ad un forte senso della materia e della forma.
Il primo capitolo è una presentazione dello stilista: dalla sua formazione, che colpisce proprio perché non è una vera formazione conseguita in una scuola di moda ma è data da una grande passione per le stoffe e da una creatività incalzante; alla sua affermazione sui mercati internazionali senza grossi investimenti in campo pubblicitario, ma, bensì investendo su una comunicazione “istituzionale”, fatta di sfilate, collaborazioni artistiche ed eventi espositivi.
Dal secondo paragrafo: “Il racconto: forma e pensiero di una comunicazione sinergica” sino al paragrafo “Lavori mnemonico-temporali”, si analizzano i vari codici su cui si costruisce la “poetica” dello stilista.
• La propensione a strutturare il lavoro, intorno ad una storia da raccontare attraverso gli abiti, ma anche i titoli delle collezioni, l’allestimento delle sfilate e gli inviti; il racconto è un fil rouge che rende sinergica la comunicazione.
• L’uso dell’ornamento non come semplice surplus di posticci ma come elemento comunicativo, come dettaglio del racconto che porta avanti; la forma prediletta è quella della stratificazione di abiti su abiti, e di tessuti, pizzi, ricami, cuciture, incrostazione di materiali su tessuti.
• La stratificazione è connessa ai procedimenti di decostruzione e ri-assemblaggio di abiti vintage, e alla sua anima di raccattatore e rottamatore, la prima visibile nell’estrapolazione di frammenti e dettagli stilistici, soprattutto del costume popolare sardo; la seconda nell’accumulo di oggetti, tessuti, frammenti di abiti usati che raccoglie per poi manipolare e ri-contestualizzare in nuovi abiti.
• Altra sfaccettatura di questi metodi di lavoro è la riflessione che porta avanti sulla memoria e sul tempo; memoria intesa come memoria individuale, collettiva e storica della sua terra che fa da filtro alla sua creatività; anche il tempo è tempo passato, quello depositatosi su oggetti e abiti, che è segno d’identità passate.
L’ultimo paragrafo “Femminile Antoniano” illustra la figura femminile cui Marras fa riferimento per le sue collezioni, di solito figure di donne forti, artiste sarde e no che hanno in comune delle vite vissute intensamente e un’identità ben definita; la riflessione sulla donna prosegue nel ciclo espositivo Trama Doppia, che si svolge ogni anno ad Alghero; è un dialogo continuo, tra Marras e le artiste che sceglie, sul rapporto tra arte e moda.
Il secondo capitolo si addentra nel nucleo da cui parte l’iter creativo dello stilista: la Sardegna da cui trae storie, colori, procedimenti artigianali ed elementi stilistici.
Qui si evidenzia come sia stato e sia fondamentale nel dare una precisa impronta stilistica al suo lavoro, il connubio fra tradizione e innovazione, che gli ha consentito di farsi conoscere e gli consente di esser riconosciuto.
La tradizione cui si fa riferimento è quell’artigianale della Sardegna, con la plissettatura, il ricamo e i suoi monili in filigrana; e quella dei suoi costumi popolari.
Dei costumi non si ha la mera citazione stilistica che lo farebbe cadere nel folcklorico, ma si ha una riproposizione di alcuni dei moduli vestimentiari che lo compongono - la camicia bianca, la gonna plissettata, i grembiuli, i corsetti - e una loro rielaborazione in chiave contemporanea.
Emblema di questo rapporto con la tradizione e l’artigianalità è la Linea Laboratorio, una linea di capi in edizione limitata realizzata completamente a mano e interamente in Sardegna, tra Alghero e Ittiri, dalle donne del luogo.
Questa linea racchiude inoltre tutta la poetica di Marras: il lavoro sul vintage, la destrutturazione e il ri-assemblaggio, la sperimentazione sui tessuti.
Il terzo capitolo è dedicato ad alcune delle sfilate dello stilista: tre collezioni di Alta Moda - “Fili Lai Lai”, “Ligazzos Rubios” (Laccetti Rossi), “Adelasia di Torres” (Il Sale) – con cui Marras si è fatto conoscere e in cui si troviamo alcune delle costanti stilistiche che costituiscono lo “stile Marras” e due collezioni di prêt-à-porter – “Il sogno di andare restando” e “ Eleonora D’Arborea”.
Le mie conclusioni su questo lavoro vogliono sottolineare un aspetto che forse appare sommerso: quello dell’aver puntato sul glocale spingendosi quasi al localismo, per affrontare la sfida del mercato globale, vincendola.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. LA MODA DI ANTONIO MARRAS: CITAZIONI, RICOSTRUZIONI E FRAMMENTI DI TEMPO. Il lavoro di Antonio Marras, s’inserisce a pieno titolo nei nuovi scenari della moda, attraverso la ripresa della cultura tradizionale, in particolare la rivisitazione dei costumi popolari, con il recupero di saperi artigiani come il ricamo o la plissettatura, con il lavoro di destrutturazione operato sugli abiti vintage che sono il punto di partenza della Linea Laboratorio, con le innumerevoli citazioni letterarie, artistiche e culturali. È un lavoro di studi sulla metamorfosi delle forme, sulla commistione di tessuti che tra loro non hanno apparentemente nulla in comune, come i pizzi e i ricami sui tessuti maschili; ma è soprattutto la Sardegna a fare da collante e da filtro al lavoro dello stilista. La sua ricerca è legata a elementi ben definiti che contribuiscono a delineare una personalità inconfondibile nel panorama italiano odierno del prêt-à-porter e del settore della moda di lusso. A spiegazione del suo lavoro, eloquente appare una dedica composta per lui, dall’artista sarda Maria Lai, con cui Marras ha collaborato in diverse occasioni nell’ambito della rassegna artistica “Trama doppia”1; che lo stilista organizza ogni anno nella sua città natale, Alghero. “Se l’arte nasce dal corpo e ogni opera chiede di vivere di corpo in corpo all’infinito, l’atto di cucire un abito diventa metafora del fare arte. Fantasia, abilità, strumenti per costruire qualcosa che altri possano indossare, fare proprio, per il bisogno di diventare altro da sé e di raccontare il proprio tempo”. Questa frase racchiude a pieno alcuni degli elementi peculiari, quasi dei codici, del lavoro di Marras come la commistione tra arte e moda, l’abito come strumento per definire la propria identità e autorappresentarla, la predilezione per il racconto e la riflessione sul tempo. Il suo approccio alla moda può essere definito una ”alchimia di omaggi”2 alla storia del costume e dell’arte, alla letteratura e alle storie popolari. Ogni sua collezione nasce così da un percorso di rielaborazione, ricombinazione di elementi formali, culturali e della memoria che affiorano sempre in racconti che vanno 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi