Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accessibilità nei Social Network: il caso Viadeo

Il presente elaborato vuole focalizzare l’attenzione sul problema dell’utilizzo del computer da parte delle persone con disabilità, considerata in tutti i suoi aspetti.
In particolare esso mira ad analizzare le possibilità di fruire delle risorse su Internet e tratta, nello specifico, l’accessibilità dei Social Network presenti nella rete, sottoponendo ad un’analisi specifica due tra i più conosciuti ed utilizzati: Facebook e LinkedIn.

E’ presente anche uno studio approfondito di accessibilità svolto su Viadeo, un Social Network sviluppato per le relazioni professionali, effettuato utilizzando il testo di riferimento per gli sviluppatori di contenuti per il Web: le cosiddette “Web Content Accessibility Guidelines” (letteralmente “Linee Guida per l’Accessibilità dei Contenuti Web”), meglio conosciute come WCAG 2.0. Per l’analisi si è proceduto valutando accuratamente ogni dichiarazione del documento, verificandone e segnalandone l’effettiva o la mancata soddisfazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Concetto di Social Network 1.1. Introduzione e scopo di questo lavoro Questo lavoro riprende la tematica dell’accessibilità, tema di un mio precedente 1 elaborato. Se il lavoro precedente si dimostrava più teorico, ora lo stesso concetto viene recuperato ma ampliato e dotato di maggior concretezza. La pretesa infatti è quella di verificare se l’accessibilità sia un aspetto del quale si tenga conto nell’ambito della progettazione dei siti, in particolare quelli il cui scopo è di mettere in contatto tra loro le persone, meglio conosciuti con il nome di Social Network. Per affrontare questa verifica, riprendendo il concetto di accessibilità, è necessario innanzitutto capire cosa essi siano, come nascano, se e in quale modo essi si rivolgano a particolari categorie di persone. E’ solo tenendo conto della loro storia che si possono avanzare le prime considerazioni in materia di accessibilità. Sarà inevitabile l’accenno a Facebook, il Social Network al momento più conosciuto e che registra il maggior numero di utenti iscritti; se ne contano 500 milioni secondo l’intervento intitolato “500 Million Stories” e pubblicato dal suo fondatore Mark Zuckerberg in data 21 luglio 2 2010, un numero importante rispetto a quello registrato dagli altri Social Network presenti in rete. Di fondamentale importanza è il richiamo alle linee guida in materia di accessibilità, principale fonte di informazione alla quale tutti gli sviluppatori di contenuti dovrebbero attingere. Nell’elaborato sarà presente anche uno studio specifico effettuato su un Social Network nato prettamente per i professionisti del mondo del lavoro, Viadeo, per 1 cfr. Chiara Evangelista, “Le disabilità visive: la situazione normativa e tecnologica in Italia”, Pavia, A.A. 2007/2008 2 Link all’intervento: http://blog.facebook.com/blog.php?post=409753352130 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Chiara Evangelista Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2108 click dal 28/09/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.