Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di anestesia nel paziente cardiochirurgico in circolazione extracorporea

I progressi nella chirurgia e nell’anestesia, associati al miglioramento della strumentazione per la realizzazione del bypass cardiopolmonare, che fin dalla sua introduzione nella pratica medica, nel 1958, era sembrato a molti poco più che un’azzardo, permettono un’approccio chirurgico a volte risolutivo anche per quei pazienti che arrivano all’intervento in condizioni cliniche molto difficili.
La mortalità e la morbilità per gli interventi di cardiochirurgia in circolazione extracorporea sono sensibilmente diminuite non solo per i progressi in campo chirurgico grazie a nuove scoperte sul meccanismo d’azione dei farmaci anestetici e inotropi e alla comprensione dei meccanismi fisiopatologici indotti dalla ipotermia prima e dalla riperfusione poi.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - Introduzione In una chirurgia complessa come quella cardiovascolare il ruolo dell’anestesista non si limita alla somministrazione dei farmaci anestetici, ma si confronta con l’esperienza e la capacità professionale degli altri componenti del team operatorio allo scopo di condurre a termine nel miglior modo possibile l’intervento e garantire al paziente, per quanto reso possibile dalle sue condizioni psicofisiche, un buon recupero postoperatorio. Scopo dell’anestesia generale e’ fornire al paziente adeguata analgesia, amnesia e perdita di coscienza mentre tutti i suoi muscoli sono paralizzati e tutte le sue funzioni vitali monitorate in modo da garantire condizioni operatorie ottimali e ridurre al minimo i rischi “intra” e postoperatori. Questi obiettivi, comuni peraltro a tutti i tipi d’intervento chirurgico, sono da perseguire con ancora più convinzione nel paziente da sottoporre a cardiochirurgia, nel quale a causa della natura stessa delle operazioni e della ridotta capacità che

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Maria Ursino Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5262 click dal 29/09/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.