Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fede e obbligo morale negli scritti di Etty Hillesum

La mia tesi riguarda l'esperienza di una donna ebrea olandese, Etty Hillesum, che fu vittima del genocidio perpetrato dal nazismo contro gli ebrei europei nel corso della seconda guerra mondiale. Di questa donna sono sopravvissuti fino ad oggi diversi diari e lettere che, oltre al pregio letterario, contengono la testimonianza di un'incredibile esperienza religiosa e umana. In particolare, nella mia analisi, ho approfondito la tematica etico-religiosa e l'intimo processo di cambiamento interiore che condusse la Hillessum a rifiutare di salvarsi per abbracciare totalmente l'esperienza della deportazione fino al suo epilogo al campo di sterminio di Auschwitz. Fu per masochismo? Per follia? Niente affatto. Fu la logica e coerente decisione scaturita da una profonda e radicale esperienza di Dio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La mia tesi riguarda l'esperienza di una donna ebrea di nazionalità olandese, Etty Hillesum, che fu vittima del genocidio perpetrato dal nazismo contro gli ebrei europei nel corso della seconda guerra mondiale. Di questa donna sono sopravvissuti fino ad oggi dieci degli undici diari da lei scritti a partire dal marzo del 1941 fino all'ottobre del 1942 e le lettere scritte dall'agosto del 1941 fino al settembre del 1943, di cui molte furono scritte dall'interno di Westerbork, uno dei campi di concentramento olandesi per ebrei. I diari furono dati in custodia dalla stessa Hillesum, prima della sua partenza definitiva per Westerbork, avvenuta nel giugno del 1943, all'amica e coinquilina di Amsterdam Maria Tuinzing con la consegna di farli avere, a guerra finita, all'amico e scrittore Klaas Smelik perché li pubblicasse. Questi tentò di farlo, negli anni cinquanta e sessanta, oltre che per i diari anche per le lettere1 senza, tuttavia, riuscirci2. L'impegno per la pubblicazione integrale degli scritti della Hillesum fu proseguito e coronato dal successo negli anni ottanta dal figlio omonimo di Smelik3. Data la mia ignoranza circa la conoscenza della lingua olandese il presente lavoro è stato condotto prendendo in esame le edizioni italiane non integrali dei diari e delle lettere e anche traduzioni inedite di parti contenute nell'edizione integrale olandese4. Esso si suddivide in tre parti di cui offro di seguito una succinta presentazione. Nella prima parte è contenuta la descrizione della situazione politico-militare dei Paesi Bassi al tempo dell'occupazione tedesca (1940-1945). In essa ho dato ampio spazio alla storia della persecuzione antiebraica, che colpì anche la Hillesum, ripercorrendo le varie fasi di quel processo di distruzione che culminò nei campi di sterminio. Per la ricostruzione delle condizioni di vita all'interno del campo di concentramento di Westerbork mi sono avvalsa delle testimonianze contenute in alcune lettere scritte dalla Hillesum dall'interno di questo campo. Infine, ho voluto presentare la storia del movimento di resistenza agli occupanti tedeschi e, all'opposto, le diverse modalità del collaborazionismo per poter meglio valutare la scelta della Hillesum di non sottrarsi alla deportazione. La seconda parte vuole offrire un breve percorso biografico della Hillesum e i ritratti abbozzati dei suoi familiari, fra i quali spicca la figura della madre. In modo particolare, mi sono soffermata sui suoi ultimi tre anni di vita, a cui fanno riferimento i diari e le lettere. Per comporla mi sono avvalsa anche di informazioni e giudizi dati dalla stessa Hillesum. La terza parte, la più complessa e importante, riguarda l'analisi della specifica tematica etico-religiosa contenuta nei diari e nelle lettere. Ciò significa che in essa 1 Due lettere da e su Westerbork erano già state pubblicate clandestinamente nell'autunno del 1943 grazie ad una amica della Hillesum; da L'esperienza dell'Altro, Roma, 1990, pag. 121. 2 op. cit., pag. 121-122. 3 La resistenza esistenziale di Etty Hillesum in Alfazeta n° 60, Parma, novembre-dicembre 1996, pag. 31. 4 Etty. De nagelaien geschriften van Etty Hillesum 1941-1942, onder redactie van Klaas A.D. Smelik, Tekstverzorging Door, Gideon Lodders en Rob Tempelaars, Uitgeverij Balans, Amsterdam, 1986.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Milandri Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1655 click dal 23/11/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.