Skip to content

Il sogno messo in scena ne ''La Rigenerazione'' di Italo Svevo

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Gamuzza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Ferdinando Amigoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

A differenza dei vari vecchi, vegliardi, vecchioni, che popolano la sua ultima produzione narrativa, Svevo sembra privare Giovanni Chierici dello strumento formidabile della scrittura. Solo apparentemente però, in quanto il protagonista della Rigenerazione può ugualmente sfruttare alcune delle potenzialità delle “parole di carta” grazie ai sogni che gli sono concessi. Infatti è possibile individuare nelle produzioni oniriche di questo vecchio-giovane una serie di caratteristiche e funzioni che si ricollegano all’orizzonte della scrittura, della quale ripopongono i salutari effetti. Anche in questo caso l’efficacia della scrittura rientra nella complessa sfera delle operazioni terapeutiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Breve archeologia del teatro di Svevo 1 La rigenerazione, l’ultima commedia e l’ultima opera compiuta di Italo Svevo, si pone come una delle tappe finali del tortuoso percorso della produzione letteraria dello scrittore. Un percorso che, 2 per quanto risulti maggiormente guidato da una sorta di vocazione romanzesca, non ha mai potuto rinunciare al genere drammatico. Sarà infatti il teatro il genere che Svevo sceglierà per muovere i suoi primi passi letterari, privati e insicuri al punto da far rimanere lo stesso autore «sempre in dubbio sulla riuscita dei suoi 3 tentativi». Il teatro gli offrirà un’area alternativa e separata, quasi clandestina, dove lasciare sopravvivere un piccolo spazio vitale per una letteratura colpevole e poco remunerativa nella fase di (apparente) silenzio. E, infine, è questa la “forma” in cui calerà, seppur con nome mutato, un personaggio indentificabile come “il” personaggio di Svevo, Zeno Cosini, e lo farà recuperando una serie di temi che dalla Coscienza convergono nella produzione teatrale (e in particolar modo ne La rigenerazione) per poi conchiudersi definitivamente nelle Continuazioni. Il teatro è per Svevo una passione disordinata ma costante che, incentivata dall’intensa vita teatrale di una città come Trieste, crocevia di varie correnti culturali, e dopo essersi corroborata con l’esperienza di critico all’ «Indipendente», preme per ricevere una forma. E l’avrà: Svevo nell’arco di tutta la vita si dedica alla stesura e alla risistemazione di ben tredici pièces. Ma, scrittore che non pubblica, Svevo è anche drammaturgo che non rappresenta: i suoi drammi non sono pensati per essere realmente portati sul palcoscenico. Così come suggerisce Ghidetti, già dai primi testi, il 4 destino della produzione drammaturgica di Svevo sembra essere quello di un «teatro in poltrona». Un silenzio nel silenzio. Ciononostante l’attenzione di Svevo al teatro è già testimoniata in fase giovanile: suo fratello Elio registra la redazione di alcuni testi teatrali nel suo diario. E’ ancora grazie a quelle preziose annotazioni che siamo informati circa la sua possibile adesione alla scuola verista, che in quegli 1 I. Svevo, La rigenerazione, in Teatro e Saggi, Tutte le opere, vol. III, a cura di F. Bertoni, Mondadori, Milano, 2004, pp. 616-767. 2 Cfr. G. Debenedetti, Saggi 1922-1966, a cura di F. Contorbia, Mondadori, Milano, 1982. «In Svevo […] il proposito di fare il romanzo non si scopre mai come partito preso o come frutto di un’ elaborazione volontaria. Si capisce che lui non saprebbe scrivere altro che romanzi. Il romanzo fa parte del suo temperamento di scrittore». 3 E. Ghidetti, Italo Svevo. La coscienza di un borghese triestino, Editori Riuniti, Roma, 1980, p. 93. 4 Ibid., p. 94.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

continuazioni
coscienza di zeno
freud
interpretazione dei sogni
letteraturizzazione
riparazione
sogno
sogno messo in scena
svevo
teatro
traumdeutung
vecchio-giovane

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi