Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'adattamento del diritto romeno a seguito dell'ingresso nell'UE

L’Unione Europea è il risultato di un procedimento di cooperazione ed in-tegrazione iniziato dal 1951 fino ad arrivare all’ultimo allargamento del 2007, con l’ingresso della Romania e Bulgaria.
L’adesione effettiva della Romania e Bulgaria è avvenuta il 1 gennaio del 2007, invece il Trattato d’adesione è stato firmato dai ambo i paesi il 25 aprile del 2005. L’impatto economico e non solo sulla Romania e sull’UE è considerevole. La Romania è stata tra i primi paesi dell’Europa dell’est che ha avuto relazioni of-ficiali con la Comunità Europea. Iniziando nel 1974, quando un’intesa ha incluso la Romania nel Sistema Generale di Preferenze della Comunità, dopo di che sono stati firmati accordi per facilitare gli scambi commerciali. Nel 1980 la Romania ha provveduto al riconoscimento della Comunità Economica Europea. Dagli anni ‘90 in poi sono stati realizzati tutta una serie di accordi legati al commercio e ai pro-cessi grazie ai quali si poteva pensare ad un’integrazione futura. Le negoziazioni per l’adesione sono iniziate nel 2000. L’obiettivo della Romania era quello di di-ventare un Stato Membro e tale fine è stato sostenuto dall’UE fin dall’inizio.
Il presente lavoro si propone di studiare le conseguenze che derivano alla Romania dall’entrata nell’UE. Inoltre tende a verificare se i problemi legati alla corruzione e all’applicazione di una riforma adeguata, che gli organi europei han-no richiesto nei negoziati del 2004, si sono risolti e che misure si sono prese al ri-guardo. Si cerca di stabilire se alla pubblica amministrazione e al sistema giudi-ziario si sono apportate correzioni e se sono idonei a svolgere le loro funzioni e quali sono i criteri economici del paese. Questa relazione vuole inoltre analizzare lo stato di attuazione della legislazione sui diritti dell’uomo e la protezione delle minoranze.

Infine, questo lavoro si propone di evidenziare eventuali lacune nel reci-pimento dell’acquis comunitario, partendo dalle quattro libertà fino ad arrivare al-le varie politiche.
In ultimo si cerca andranno ad esaminare e condizioni della concorrenza in Romania dopo l’entrata nell’UE, l’attività dell’organo che applica la materia anti-trust e il ruolo di quest’ultimo nella regolamentazione degli aiuti di stato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Capitolo 1 Il procedimento d’allargamento dell’Unione Europea p 1.1 Gli allargamenti dell’UE Da sei membri nel 1957 a 25 nel 2004 e 27 nel 2007, l'Unione Europea può ora ritenere di rappresentare un continente. Dall'Atlantico al Mar Nero essa riunisce per la prima volta la parte occidentale e la parte orientale dell'Europa. L’Unione Europea è aperta alla partecipazione di ogni paese europeo, de- mocratico, con un’economia di mercato e in possesso delle competenze ammini- strative necessarie per gestire i diritti e i doveri inerenti all’adesione. Ciò significa quindi che l’allargamento rappresenta un processo continuo. L’Unione Europea nel corso degli anni ha subito tante modifiche ed evo- luzioni, dal tempo in cui esistevano solo sei Stati membri fondatori inizialmente, nel 1952, della Comunità europea del carbone e dell’acciaio; e nel 1958, della Comunità economica europea, invitando cosi gli altri Stati dell’Europa a persegui- re gli stessi ideali facendo gli stessi sforzi. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Claudia Serghei Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 425 click dal 04/10/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.