Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ecocidio o genocidio? Analisi su civiltà che non erano destinate a morire

L'autore compie un lavoro di tipo storico, antropologico e geopolitico di stampo probabilistico per confutare il determinismo geografico all'interno del collasso Maya, la conquista Azteca e di Rapa Nui.
Il determinismo geografico è la teoria geopolitica secondo la quale la nascita, l'evoluzione e la fine di una civiltà sono dettate dal rapporto di questa con l'ambiente che la circonda. Un'analisi di questo tipo, spesso estremizzata da inesperti del settore umanistico (come Jared Diamond) può provocare gravi errori storici e di analisi sociale dei popoli presi in esame.

Mostra/Nascondi contenuto.
Ecocidio o Genocidio? Analisi su civiltà che non erano destinate a morire. Introduzione Qualche anno fa per un esame universitario lessi un saggio pubblicato nel 1997 da Jared Diamond intitolato “Armi, Acciaio e Malattie”. Grazie a questa pubblicazione il biologo sopracitato, che poi divenne noto quanto uno scrittore di best-seller, ottenne un Premio Pulitzer e diventò uno degli scienziati più famosi del mondo. Ingenuamente apprezzai a priori il senso del suo lavoro; rimasi stupito da quella che pareva una conoscenza enciclopedica, le sue teorie sulla scomparsa di antiche civiltà e sul perché certe società dovessero essere più forti e vigorose a scapito di altre. Sostanzialmente il suo saggio rispondeva alla domanda sul perché gli europei, o comunque i popoli appartenenti al Vecchio Continente, avessero assoggettato l‟intera Terra, sottomettendo con una certa facilità civiltà tanto diverse e lontane tra loro. Leggendo il libro di Diamond, ci si immerge in una carrellata di mondi “esotici”, sconosciuti ai più, in una breve storia del mondo dalla fine dell‟ultima glaciazione ai giorni nostri, ed attraverso l‟utilizzo di nozioni, che vanno dall‟antropologia alla biologia molecolare, passando per la genetica e la linguistica, si giunge ad una interessante risposta, priva di quelli che potevano sembrare pregiudizi razziali ma un semplice risultato scientifico: la nascita, lo sviluppo ed il declino di una civiltà è dato dal suo rapporto con l‟ambiente naturale, dalla presenza di beni primari (come può essere l‟esistenza di vasti terreni coltivabili o la vicinanza ad un fiume, grosse foreste che contengono l‟essenziale legname, ed altri ancora) e di come l‟uomo decide di sfruttarli. L‟analisi di Diamond mi convinse e considerai il biologo una mente illuminata ed uno scienziato modello. Mi resi conto che in effetti il sunto delle sue teorie non erano vere e proprie scoperte, ma elaborazioni su quell‟inclinazione che si chiama Determinismo Geografico: lo sviluppo dello Stato è predeterminato dalle caratteristiche ambientali che lo circondano e su come queste vengono sfruttate. Dopo un paio d‟anni ho seguito un corso universitario sulle civiltà mesoamericane, tenuto dal docente Davide Domenici. Durante una lezione mi 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego De Angelis Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 873 click dal 06/10/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.