Skip to content

La decrescita serena

Informazioni tesi

  Autore: Michele Gandolfo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e commercio
  Relatore: Maria Cristina Martinengo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 16

La decrescita è la sfida che la Terra ci chiama ad accettare, oggi stesso. Non abbiamo messo in conto i suoi limiti per troppo tempo e ora è il momento di cambiare rotta in modo deciso e definitivo. Quello proposto è un concetto rivoluzionario ma allo stesso tempo semplice, che vuole riportarci verso valori ed abitudini dimenticate: la lentezza, l'assenza di sprechi, il rispetto per la natura, l'acquisto solo del necessario, la convivialità, il gusto per il bello, l'artigianato, la scelta di ciò che è locale. Essa si contrappone alla crescita e allo spirito del capitalismo, il cui fine principale è l'aumento del PIL e l'uomo e la natura ne sono il mezzo. La decrescita vuole che l'essere umano, l'ambiente, ma soprattutto la salute e la felicità di entrambi siano sempre in primo piano. Tocca quindi ad ognuno di noi fare il primo passo, fatto di tanti piccoli ma importanti gesti quotidiani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE «La decrescita è elogio [...] della lentezza e della durata; rispetto del passato; consapevolezza che non c’è progresso senza conservazione; indifferenza alle mode e all’effimero; attingere al sapere della tradizione; non identificare il nuovo col meglio, il vecchio col sorpassato, il progresso con una sequenza di cesure, la conservazione con la chiusura mentale; non chiamare consumatori gli acquirenti, perché lo scopo dell’acquistare non è il consumo ma l’uso; distinguere la qualità dalla quantità; desiderare la gioia e non il divertimento; valorizzare la dimensione spirituale e affettiva; collaborare invece di competere; sostituire il fare finalizzato a fare sempre di più con un fare bene finalizzato alla contemplazione. La decrescita è la possibilità di realizzare un nuovo Rinascimento, che liberi le persone dal ruolo di strumenti della crescita economica e ri-collochi l’economia nel suo ruolo di gestione della casa comune a tutte le specie viventi in modo che tutti i suoi inquilini possano viverci al meglio». Maurizio Pallante, www.decrescitafelice.it Questa breve tesi espone le caratteristiche principali del movimento della decrescita. Ho scelto di sviluppare questo argomento per diversi motivi. Il primo è che lo ritengo di importanza fondamentale per il futuro del nostro Pianeta e quindi di ognuno di noi. Secondariamente, si tratta di una teoria che non è stata trattata in alcun corso di studio, di cui non ho mai sentito parlare né tra le mura universitarie né ad incontri o dibattiti a cui ho partecipato all'esterno e ha da subito stimolato la mia curiosità. Inoltre in essa si incontrano diversi tipi di conoscenze, che, intersecandosi, si completano. In questo modo, documentandomi, ho anche potuto approfondire tematiche che riguardano discipline che mi piacciono molto come l'ecologia, la sociologia e la politica. «Dove andiamo? Dritti contro un muro. Siamo a bordo di un bolide senza pilota, senza marcia indietro e senza freni, che sta andando a fracassarsi contro i limiti del pianeta.» Latouche S., Breve trattato sulla decrescita serena Questa è una delle frasi che si trovano nell'introduzione di uno dei libri più importanti sull'argomento, che prenderò come punto di partenza per la mia analisi. Si analizzerà l'argomento suddividendolo in tre parti principali, o per meglio dire, tre tappe analitiche. Nella prima si cercherà di quantificare ciò che secondo questo filone di pensiero sta portando il mondo verso un declino inesorabile. Nella seconda si analizzerà la proposta alternativa alla società della crescita ovvero la cosiddetta utopia concreta della decrescita. Nella terza, si preciseranno gli strumenti per la sua realizzazione in un programma politico. PRIMA PARTE «Se la bellezza che la Terra deve alle cose venisse distrutta dall'aumento illimitato della ricchezza e della popolazione […] allora io spero sinceramente, per amore della posterità, che questa sarà contenta di rimanere stazionaria, molto tempo prima di esservi costretta dalla necessità.» John Stuart Mill In Occidente consumiamo, mangiamo troppo. Nel Sud del mondo, invece, milioni di persone muoiono di fame. Viviamo in una società la cui economia ha l'unica finalità della crescita fine a sé stessa. In questo contesto la decrescita è l'abbandono dell'obiettivo della crescita illimitata, abbandono del produttivismo, il cui unico obiettivo è quello del conseguimento del profitto, con conseguenze disastrose per l'ambiente e quindi per l'umanità. La ricerca del guadagno a tutti il costi si sviluppa attraverso l'espansione del binomio produzione-consumo e la compressione dei costi; i manager cosiddetti cost-killers sono contesi dalle società con contratti stratosferici. Lo 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acrescita
banca del tempo
biologico
decrescita
ecologia
latouche
lentezza
locale
recuperare
riciclare
slow food

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi